WWDC 2020, non solo iOS 14: cosa aspettarsi dall’evento del 22 giugno

La 31ma edizione della WWDC 2020, la conferenza Apple dedicata agli sviluppatori, prenderà il via il prossimo 22 giugno alle 19 (ora italiana). Un’edizione diversa dal solito nella forma ma non nella sostanza. Il colosso di Cupertino, infatti, è stato costretto a rivedere i propri piani e a tenere l’evento esclusivamente online a causa dello scoppio della pandemia da Coronavirus.

La partecipazione sarà aperta a tutti e gratuita. La conferenza potrà essere seguita da sviluppatori e appassionati su YouTube, oltre che sul sito ufficiale Apple, su Apple TV e sul portale e applicazione di Apple Developers. La WWDC 2020 è il momento per la presentazione delle nuove versioni dei sistemi operativi della compagnia californiana. Sono attesi dunque iOS 14, iPadOS 14, macOS 10.16, tvOS  14 e watchOS 7. Secondo varie indiscrezioni, l’evento sarà popolato anche da alcune novità hardware. Scopriamo quali sorprese la WWDC 2020 ha per noi.

Software

Le nuove versioni dei sistemi operativi di Apple non dovrebbero rappresentare una rivoluzione rispetto a quelle dell’anno scorso. Grazie a una prima versione trapelata nei mesi scorsi, oggi siamo in grado di elencare alcune delle possibili novità di iOS 14 che debutterà a bordo della futura generazione di iPhone 12 a settembre (salvo ritardi).

Sarebbe prevista una nuova app per il fitness per iPhone e Apple Watch che dovrebbe consentire agli utenti di scaricare video per gli esercizi fisici che possano accompagnarli nel corso della loro sessione di allenamento.

Novità per iMessage. Alcuni indizi lasciano presupporre che sarà possibile menzionare un contatto nei messaggi (come avviene su WhatsApp quando utilizziamo @). In questo modo, l’utente potrà silenziare le chat di gruppo ma ricevere la notifica se viene direttamente menzionato. Proprio come sulla piattaforma di Mark Zuckerberg, anche iMessage potrebbe permettere l’eliminazione di un messaggio già inviato in modo che non venga più letto nemmeno dal destinatario.

Tra le funzioni in arrivo, ci sarebbero: un’app per la realtà aumentata; la possibilità di impostare app di terze parti come predefinite al posto di quelle preinstallate; una funzione di traduzione per i siti web in Safari; una funzione di notifica che avvisa quando qualcuno non arriva in una posizione specifica a un’ora programmata del giorno e altre piccole novità. Racconteremo tutto nei dettagli non appena iOS 14 verrà annunciato ufficialmente.

Queste caratteristiche dovrebbero riguardare anche iPadOS che guadagnerebbe anche una funzione specifica per Apple Pencil. Secondo quanto riferito da MacRumors, un nuovo meccanismo OCR dovrebbe riconoscere i testi scritti a mano dall’utente utilizzando il pennino per convertirli in semplice testo (come se fosse stato digitato con la tastiera).

Hardware

Dopo anni di indiscrezione, sembra proprio che sia il 2020 l’anno scelto da Apple per annunciare il passaggio dai processori Intel a quelli proprietari basati su architettura ARM. La novità dovrebbe essere ufficializzata nel corso della WWDC 2020 in modo da dare agli sviluppatori il tempo di poter apportare le modifiche necessarie.

I primi MacBook basati su ARM sono attesi per il 2021. Nel corso della conferenza, però, il colosso di Cupertino potrebbe fornire dettagli su quali saranno i primi modelli a fare da apripista. A quanto pare, il passaggio avverrà in maniera graduale.

Secondo varie indiscrezioni, però, Apple starebbe pianificando l’annuncio di un nuovo iMac per il prossimo 22 giugno con una riprogettazione a livello estetico. Il design dovrebbe ricalcare le linee di iPad Pro con cornici di dimensioni ridotte. Ciò si trova in linea con voci precedenti che vedono Apple impegnata nello sviluppo di un nuovo modello da 23 pollici, che manterrebbe però le stesse dimensioni dell’attuale iMac da 21,5 pollici. In aggiunta, il nuovo iMac sarebbe dotato del chip di sicurezza T2 e di una GPU AMD Navi.

Apple, infine, sembrerebbe al lavoro su iPad Mini 6, di cui vi abbiamo parlato in un precedente articolo. Potrebbe essere presentato ufficialmente nel corso della WWDC 2020 per poi raggiungere i mercati qualche mese più tardi, presumibilmente in autunno.

Altro

È da tantissimo tempo ormai che si parla di AirTag, un dispositivo in stile Tile che aiuta gli utenti a tener traccia dei propri oggetti. Dopo mesi e mesi di indiscrezioni, potrebbe essere giunto il suo momento. Non ci sono certezze. Potremo scoprirlo solo tra pochi giorni.

Potrebbe essere annunciata anche una nuova versione di HomePod. Potrebbe trattarsi in realtà di un modello più compatto che prenderebbe il nome di HomePod Mini.

Come detto in apertura, la WWDC 2020 aprirà virtualmente i battenti il 22 giugno alle 19 ore italiane. I giorni successivi (23-26 giugno) saranno dedicati alle sessioni tecniche e di progettazione per gli sviluppatori, con video che saranno pubblicati ogni giorno alle 19:00.

Insomma, ancora pochi giorni per scoprire le novità che Apple ci ha riservato per questo 2020 oltre alle nuove versioni di iOS 14, iPadOS 14, macOS 10.16, tvOS  14 e watchOS 7.

Il nuovo iPhone SE 2020 è disponibile su Amazon a partire da 499 euro. Lo trovate a questo link. 

Sorgente articolo:
WWDC 2020, non solo iOS 14: cosa aspettarsi dall’evento del 22 giugno

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Online
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Cloud Real Time
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Consulenza realizzazione Applicazioni Web