Si potrebbe discutere per ore sulla ragion d’essere di una sport utility superdotata come la Mercedes-AMG GLA 45 S 4Matic+ (che sfiora i 66.000 euro di listino): non caveremmo un ragno dal buco. Partiamo, quindi, dalle certezze: nel cofano batte un quattro cilindri 2.0 turbobenzina capace di ben 421 cavalli a 6.750 giri e 500 Nm fra i 5.000 e i 5.250 giri. Ciò significa che, anche grazie all’aiuto della trazione integrale, la più cattiva delle sorelle dell’appena rinnovata GLA (volendo ci sono anche la 35, da 306 CV e la 45, da 387) è capace di bruciare lo 0-100 km/h, secondo la Mercedes, in 4,3 secondi. E di raggiungere, senza troppe difficoltà, i 270 km/h. Numeri così meriterebbero una strada ricca di curve o, ancor meglio, un circuito per essere sfruttati come si deve. E invece, in questa prima presa di contatto mi ritrovo a percorrere le noiose SS38 e SS36 da Mantello, in provincia di Sondrio, fino alle porte di Milano: una novantina di km non proprio eccitanti, dal punto di vista del puro piacere di guida.