KFC si affida al bioprinting 3D per realizzare le sue crocchette di pollo del futuro

KFC, per esteso Kentucky Fried Chicken, noto fast food americano da diversi anni sbarcato anche in Italia, sta cercando di creare le prime crocchette di pollo al mondo prodotte in laboratorio stringendo una collaborazione con la società russa 3D Bioprinting Solutions.

Progetto che rientra nel piano di investimenti denominato “Ristorante del futuro”, voluto dal fast food del Colonnello Sanders, il quale prevede l’utilizzo dei primi risultati ottenuti nell’ambito del mondo bioprinting per creare una vera e propria “carne di pollo stampata” partendo da cellule di pollo e materiale vegetale, il tutto abbinato all’originale ricetta di panatura e relativo mix di spezie concessa da KFC.


“Alla KFC stiamo monitorando da vicino tutte le ultime tendenze ed innovazioni facendo del nostro meglio per stare al passo con i tempi introducendo tecnologie avanzate nelle nostre reti di ristoranti. I prodotti a base di carne sono il prossimo passo nello sviluppo del nostro concetto di “ristorante del futuro”. Il nostro esperimento nel testare la tecnologia di bioprinting 3D per creare prodotti a base di pollo può anche aiutare a risolvere diversi problemi globali incombenti. Siamo lieti di contribuire al suo sviluppo e stiamo lavorando per renderlo disponibile a migliaia di persone in Russia e, se possibile, in tutto il mondo”, ha affermato Raisa Polyakova, General Manager di KFC Russia.


“Le tecnologie di bioprinting 3D, ampiamente riconosciute in medicina, oggi stanno guadagnando popolarità nella produzione di alimenti come la carne. In futuro, il rapido sviluppo di tali tecnologie ci consentirà di rendere più accessibili i prodotti a base di carne stampati in 3D e speriamo che la tecnologia creata grazie alla nostra collaborazione con KFC contribuirà ad accelerare il lancio sul mercato di prodotti a base di carne a base di cellule”, ha invece dichiarato Yusef Khesuani, co-fondatore e Managing Partner di 3D Bioprinting Solutions.

Gli scienziati di tutto il mondo stanno lavorando duramente a soluzioni che consentano un approvvigionamento alimentare stabile per la crescente popolazione globale, riducendo al contempo l’impatto negativo sull’ambiente. L’uso di tecnologie basate sulla bioprinting 3D può rappresentare un’interessante strada da intraprendere.

KFC afferma che le sue crocchette di pollo stampate in laboratorio manterranno il più possibile le caratteristiche di forma e gusto di quelle tradizionali, nessuna informazione per quanto riguarda l’aspetto valori nutrizionali, e saranno disponibili per i test finali già entro la fine del prossimo autunno, non chiaro se saranno sottoposte solo a ricercatori o anche ad alcuni clienti presso i negozi KFC; per maggiori dettagli a riguardo vi invitiamo a consultare il comunicato ufficiale di KFC e 3D Bioprinting Solutions.

Sorgente articolo:
KFC si affida al bioprinting 3D per realizzare le sue crocchette di pollo del futuro

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Free Web Host
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parole chiavi nelle ricerche
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Small Business CRM
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Video Corsi Online