Huawei, TSMC pronta a bloccare la fornitura di chip

TSMC ha confermato di aver sospeso la ricezione di nuovi ordini di fornitura da Huawei a partire da maggio nel pieno rispetto delle nuove restrizioni statunitensi. Senza ulteriori cambiamenti dei regolamenti USA, la società taiwanese prevede di bloccare la fornitura di chip nei confronti del colosso di Shenzhen nel mese di settembre, così come imposto dagli Stati Uniti.

“Ci stiamo pienamente conformando alle nuove norme. Non abbiamo preso nuovi ordini dal 15 maggio. Nonostante sia terminata la fase di dibattito pubblico sul regolamento, il Bureau of Industry and Security non ha ancora annunciato un cambiamento definitivo. In questa situazione non forniremo altro hardware dopo il 14 settembre” ha dichiarato Mark Liu, Presidente di TSMC.

TSMC potrebbe tornare a fare affari con Huawei se gli USA dovessero apportare cambiamenti ai nuovi regolamenti. Un’ipotesi che – allo stato attuale – risulta di difficile realizzazione. Non è escluso però che il produttore di Taiwan possa ottenere una licenza speciale da parte degli USA per continuare a fornire i propri prodotti alla compagnia cinese. Al momento, non sappiamo se TSMC ha fatto richiesta o meno.

Per capire bene la situazione, bisogna fare un passo indietro di qualche settimana. Dopo l’estensione del ban contro Huawei fino a maggio 2021, il Dipartimento del Commercio USA ha esteso il controllo statunitense sulle esportazioni alle società straniere che utilizzano tecnologie, software e apparecchiature americane per produrre processori per il colosso cinese.

Alle società straniere come TSMC, il governo degli Stati Uniti ha concesso 120 giorni (a partire dal 15 maggio) prima dell’effettiva entrata in vigore delle nuove restrizioni. Le compagnie straniere, che hanno già cominciato la produzione di beni per conto di Huawei, possono continuare a consegnare durante questi quattro mesi. Dopodiché, il ban sarà effettivo e le aziende avranno bisogno di licenze speciali per continuare a fare affari con il colosso di Shenzhen.

Insomma, la situazione diventa sempre più complessa e Huawei si trova costretta a correre ai ripari per trovare soluzioni alternative a TSMC. Il candidato più quotato sembra essere SMIC, anche sembra avere soluzioni meno all’avanguardia della controparte taiwanese.

Arrivato sul mercato a 799 euro, Huawei P40 è disponibile all’acquisto su Amazon a meno di 550 euro. Lo trovate a questo link.

Sorgente articolo:
Huawei, TSMC pronta a bloccare la fornitura di chip

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Consulenza realizzazione Applicazioni Web
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Campagne Email
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Cloudrealtime