F1 2020, la recensione del nuovo gioco – Prima scelta – La Gazzetta dello Sport

Con l’avvio del Mondiale, arriva anche il nuovo capitolo della saga automobilistica: la versione Deluxe di F1 2020 è dedicata a Michael Schumacher

Alla vigilia del secondo gran premio di stagione, quello di Stiria in programma nel weekend a Zeltweg, arriva F1 2020, il nuovo capitolo della saga automobilistica più giocata nel mondo dei videogiochi.  

Realizzato per PS4, Xbox One e PC, ha la licenza ufficiale FIA, che comprende tutte le auto e i circuiti del Mondiale, compresi quelli che sono saltati causa COVID-19: in aggiunta, tantissimi contenuti speciali previsti per celebrare i 70 anni della F1. Molte infatti anche la auto classiche comprese, ben 16: dalla Red Bull RB6 di Sebastian Vettel alla McLaren MP4/4 del 1988, guidata da Ayrton Senna. 

Una grande novità di F1 2020 è la modalità “My Team”, una carriera in cui diventeremo sia manager che pilota di una nuova scuderia del Mondiale, per strappare il titolo alla concorrenza: oltre a guidare bene dunque servirà saper gestire il budget degli sponsor, scegliere i piloti, alimentare la ricerca per lo sviluppo della monoposto e scegliere le giuste strategia per carico aerodinamico e gomme. La modalità, altamente professionale, risulta un po’ complicata per chi è meno avvezzo alle dinamiche dei muretti e dei box, ma sarà sicuramente apprezzata dai fedelissimi dei motorsport. 

Per quanto riguarda il gameplay, è stata migliorata la gestione di frenata e accelerazione, con la gestione manuale dell’ERS a dare maggior imprevedibilità. Rispetto allo scorso anno, gli avversari saranno più aggressivi dello scorso anno: è stato poi aggiunto lo specchietto retrovisore virtuale, cosa che ci permetterà di tenerli sotto controllo quando saranno nella nostra scia. 

Confermata anche la scelta di aggiungere le vetture di F2, che saranno il nostro punto di partenza nella modalità carriera del pilota: si potrà così iniziare a dominare la serie minore per conquistarsi un volante in una scuderia di secondo piano e poi cercare finalmente l’Olimpo con Ferrari, Mercedes e Red Bull, un po’ come fatto da Charles Leclerc nella realtà, nei suoi primi anni di carriera. 

Grande attenzione alle modalità multiplayer: così, col nuovo “split screen”, potrete sfidare i vostri amici giocando insieme, mentre online potrete farlo a distanza. Nell’area E-Sports in-game potrete vivere le qualificazioni agli eventi online, le ultime novità e guardare il nuovo F1 Esports Challenger e le gare Pro Series.

Se la versione “normale” non vi basta, F1 2020 ha in serbo una coccola in più per voi: la tanto attesa versione deluxe, in passato dedicata ad altri grandi piloti come Ayrton Senna e Alain Prost, sarà questa volta personalizzata sulla carriera di Michael Schumacher, il pilota più amato della F1 moderna. 

Dalla Jordan dell’esordio, datato 1991, all’imbattibile Rossa del 2000: la versione Deluxe include 4 monoposto celebri di Schumi, oltre che le sue celebrazioni sul podio, caschi e tute personalizzate. Un’edizione imperdibile – che ovviamente affianca a questi nuovi contenuti anche tutte le funzioni della “classica” –  per tutti i tifosi Ferrari e del pilota tedesco. 

Sorgente articolo:
F1 2020, la recensione del nuovo gioco – Prima scelta – La Gazzetta dello Sport

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Videochiamate per le Aziende
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Fiasconaro