Deadly Premonition 2: patch sui contenuti transfobici, ma la correzione non convince

Deadly Premonition 2 ha ottenuto un patch che, almeno nelle intenzioni dello sviluppatore Hidetaka “SWERY” Suehiro, dovrebbe correggere i contenuti transfobici che hanno creato una certa polemica sul gioco, ma sembra che l’aggiornamento sia poco convincente in questo intento.

Il problema è legato soprattutto al fatto che il protagonista del gioco, il detective Francis York Morgan, si rivolge a un personaggio transgender chiamandolo con il suo nome originale, praticando dunque il “deadnaming” nei suoi confronti, che è in effetti un modo offensivo di rivolgersi a una persona transgender.

La questione è stata sollevata da vari utenti e anche, in particolare, da Laura Kate Dale, particolarmente nota in ambito videoludico anche per essere una insider piuttosto conosciuta e affidabile, soprattutto per quanto riguarda l’ambito Nintendo.

Proprio quest’ultima fa anche notare come la patch correttiva, che secondo SWERY e il team di sviluppatori dovrebbe aver sistemato la questione, rappresenta una correzione veramente di poco conto, assolutamente parziale rispetto al problema riscontrato.

L’aggiornamento modifica infatti una linea di dialogo in cui Lena, il personaggio in questione, viene identificata con il suo nome originale. Questa linea di dialogo è stata semplicemente rimossa, a quanto pare, lasciando però invariato tutto il resto.

Resta dunque inalterato il problema principale, come riferito dalla Dale, considerando che York continua a rivolgersi a Lena parlando comunque di “un uomo, un fratello, un figlio” e con i pronomi maschili “lui” senza che questi siano stati corretti, dunque la patch sembra sia servita a poco, almeno per ora e senza escludere che possano esserci ulteriori aggiornamenti, visto che SWERY parla comunque di “prima patch”. Sempre il game designer aveva chiesto scusa per come è presentato il personaggio di Lena nel gioco, vedremo come proseguirà eventualmente la questione.

Sorgente articolo:
Deadly Premonition 2: patch sui contenuti transfobici, ma la correzione non convince

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Primo su google
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Free Web Host
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime