Pokémon GO: abbassato il livello Allenatore per richiedere un Pokéstop

di 

Giorgia Pelliccia

   · 1 min lettura Giochi 0

Dall‘account Twitter ufficiale del supporto clienti di Niantic è arrivata una notizia importante per tutti i giocatori di Pokémon GO: il livello Allenatore necessario per richiedere un Pokéstop è stato abbassato da 38 a 37! L’aggiornamento arriverà presto per tutti i giocatori.

Gli Allenatori possono contribuire a far crescere il numero di Pokéstop proponendo oggetti luoghi idonei per Pokémon GO accedendo alle Impostazioni del gioco e selezionando l’opzione dedicata. Una volta inviata, la proposta di PokéStop verrà valutata dalla community di giocatori abilitati a Niantic Wayfarer. Le proposte più votate potranno quindi essere accettate come Pokéstop o come Palestre.

Inoltre, Pokémon GO ha messo a disposizione un tutorial su come aggiungere punti di interesse nel gioco, seguito da un test che permetterà a tutti i giocatori che hanno raggiunto il livello 37 di abilitarsi a questo compito da Allenatori esperti.

Promozioni

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..

Sorgente articolo:
Pokémon GO: abbassato il livello Allenatore per richiedere un Pokéstop

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Videochiamate per le Aziende
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parola chiave nella ricerca
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Consulenza realizzazione Applicazioni Web
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro

Smart factory: la via verso la digitalizzazione, ma persistono ancora gap di cyber security

Le smart factory sono sempre più spesso impiegate dall’industria per implementare la transizione verso la digitalizzazione, poiché la connessione al cloud o a Internet offre senza dubbio una serie di vantaggi di comunicazione.

Tuttavia, tale modalità crea anche una significativa vulnerabilità in termini di cyber security. Nell’ultimo rapporto del Capgemini Research Institute “Smart & Secure: Why smart factories need to prioritize cybersecurity” è stata approfondita la questione e intervistati 950 organizzazioni per valutare il loro livello di preparazione alla sicurezza informatica per quanto riguarda le smart factory. I settori presi in esame comprendono l’industria pesante, il settore farmaceutico e life sciences, il settore chimico, l’hi-tech, i prodotti di consumo, l’automotive, l’aerospaziale e la difesa.

Certamente, le smart factory rappresentano la strada da seguire per alcuni settori come il manifatturiero, ma è la loro stessa natura ad aumentare esponenzialmente i rischi di attacchi informatici nell’era dell’Intelligent Industry. Considerando la crescente frequenza degli attacchi digitali, che hanno colpito il 40% delle organizzazioni intervistate – il 73% dei quali si è verificato negli ultimi 12 mesi – è diventato fondamentale per le organizzazioni garantire che la sicurezza informatica sia una priorità nelle loro smart factory.

Ostacoli per l’implementazione della cyber security in azienda

Dal report emerge che il 51% delle organizzazioni manifatturiere ritiene che il numero di attacchi informatici nelle smart factory sia destinato ad aumentare nei prossimi 12 mesi. Ciò nonostante, quasi la metà (47%) dei produttori afferma che la cyber security all’interno delle loro smart factory non è una problematica che interessa i C level. Il report evidenzia infatti come ben poche aziende manifatturiere implementino procedure consolidate che riguardano i principali elementi di cyber security.

WHITEPAPER

Transizione 4.0 e PNRR: incentivi e agevolazioni, tutto quello che c’è da sapere

Logistica/Trasporti
Smart manufacturing

Il 60% delle organizzazioni attive nell’industria pesante e il 56% delle aziende del settore farmaceutico e life sciences riconosce che le smart factory saranno il principale bersaglio della maggior parte delle minacce informatiche future.

Tuttavia, un alto livello di consapevolezza non si traduce automaticamente in altrettanta preparazione a livello aziendale. Ad esempio, i principali ostacoli all’implementazione di processi che garantiscano la cyber security all’interno delle aziende manifatturiere sono la mancanza di attenzione da parte del management, il budget limitato e i fattori umani.

Lo studio evidenzia, infatti, come, per molte organizzazioni, la cyber security non rappresenti uno dei principali fattori di progettualità: solo il 51% ha implementato di default delle pratiche di cyber security nelle proprie smart factory. A differenza delle piattaforme IT, non tutte le organizzazioni potrebbero essere in grado di analizzare le apparecchiature di una smart factory quando sono in funzione.

Mancano conoscenze e competenze in cyber security

La visibilità a livello di sistema dei dispositivi IIoT e OT è indispensabile per rilevare eventuali violazioni: il 77% degli intervistati considera fonte di preoccupazione il consuetudinario utilizzo di processi non convenzionali nelle smart factory per la riparazione o l’aggiornamento dei sistemi OT/IIoT.

Questo problema deriva in parte dalla scarsa disponibilità di tool e processi adeguati, mentre una percentuale significativa di aziende (51%) ha dichiarato che le minacce informatiche della smart factory derivano soprattutto dalle proprie reti di partner e fornitori.

Dal 2019 ad oggi, il 28% degli intervistati ha affermato che il numero di dipendenti che ha introdotto in rete dispositivi danneggiati – come laptop e dispositivi mobili – al fine di installare/aggiornare i macchinari della smart factory è aumentato del 20%.

Sono poche le organizzazioni intervistate che affermano che i team di cyber security dispongono delle conoscenze e delle competenze necessarie per introdurre patch di sicurezza di emergenza senza supporto esterno.

Una causa diffusa di questa inadeguatezza è la mancanza di un cyber security leader che gestisca il programma di aggiornamento richiesto. Questo, unito alla mancanza di competenze, si traduce in una sfida difficile da gestire. Infatti, il 57% delle organizzazioni afferma che la scarsità di competenze in materia di cybersecurity nelle smart factory è molto più accentuata rispetto a quella delle expertise di cyber security in ambito IT.

Molte organizzazioni hanno affermato che i loro cyber security analyst sono sopraffatti dalla vasta gamma di dispositivi OT e IIoT da monitorare per rilevare e prevenire i tentativi di violazione. Inoltre, i responsabili della cybersecurity hanno dichiarato di non essere in grado di rispondere efficacemente agli attacchi informatici nelle smart factory e nei siti produttivi.

Anche la mancanza di collaborazione tra i leader delle smart factory e il Chief Security Officer è un tema di preoccupazione per oltre la metà degli intervistati. Questa difficoltà nella comunicazione ostacola la capacità delle organizzazioni di individuare tempestivamente gli attacchi informatici, provocando danni maggiori.

Una strategia di cyber security per le smart factory

Per sviluppare una solida strategia di cyber security per le smart factory, noi di Capgemini crediamo che sia importante un approccio articolato in sei fasi per:

  1. effettuare un assessment iniziale del livello di cyber security;
  2. costruire la consapevolezza delle minacce informatiche delle smart factory in tutta l’organizzazione;
  3. identificare la risk ownership per gli attacchi informatici nelle smart factory;
  4. stabilire un quadro di riferimento per la cyber security delle smart factory;
  5. creare procedure di cyber security su misura per le smart factory;
  6. stabilire una struttura di governance e un quadro di comunicazione con l’IT aziendale.

I “cyber security leader”, e cioè quelle organizzazioni che adottano procedure consolidate nei principali elementi di cyber security (awareness, preparazione e implementazione della cyber security nelle smart factory) sono in vantaggio rispetto ai peer in diversi aspetti.

Le aree in cui si registrano maggiori benefici sono: il riconoscimento dei modelli di attacco hacker nelle prime fasi di implementazione (74%) e la riduzione dell’impatto degli attacchi stessi (72%), rispetto ad appena il 46% e il 41% delle altre organizzazioni.

Conclusioni

I vantaggi della digital transformation spingono le aziende manifatturiere a investire significativamente nelle smart factory, ma se le pratiche di cyber security non vengono integrate fin da subito, gli sforzi compiuti potrebbero essere vanificati in un batter d’occhio.

Una maggiore potenza di fuoco degli attacchi informatici, unito al numero di dispositivi di operational technology (OT) e di Industrial Internet of Things (IIoT) rendono le smart factory un bersaglio facile per gli hacker.

A meno che questo aspetto non diventi una priorità del consiglio di amministrazione, le organizzazioni faranno fatica a superare queste sfide, a educare i dipendenti e i fornitori e a snellire la comunicazione tra i team di cyber security e la dirigenza.

WHITEPAPER

Sfide di mercato, strategie e strumenti per la nuova INDUSTRY4.0, con il digitale al centro

Automotive

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Sorgente articolo:
Smart factory: la via verso la digitalizzazione, ma persistono ancora gap di cyber security

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Small Business CRM
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parole chiavi nelle ricerche
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Video Conferenze per B2B

Amazon, offerte a valanga! Prezzi super per gli smartphone realme, Xiaomi, OnePlus, Google Pixel e iPhone. Ma non solo: ecco tutti gli affari del giorno

Occhio al prezzo di questi due interessanti smartphone. realme 9 e Xiaomi 12, su due segmenti di mercato diversi, entrambi a prezzi ottimi!

OnePlus Nord 2 5G 12GB/256GB ha un prezzo ottimo! Ma il più interessante in questo momento probabilmente è OnePlus Nord CE 2 Lite 5G 6GB RAM 128GB.

Gli smartphone della famiglia Google Pixel 6 rimangono in questo momento i più richiesti su Amazon.

Prezzi super per questi iPhone!

Non sono ricondizionati, sono nuovi! Apple MacBook Pro (14″, Chip Apple M1 Pro con CPU 8-core e GPU 14‑core, 16GB RAM, 512GB SSD). Si risparmiano oltre 300 Euro! Attenzione anche al modello 2021 Apple MacBook Pro (16″, Chip Apple M1 Pro con CPU 10-core e GPU 16‑core, 16GB RAM, 1TB SSD). Son quasi 300 Euro di sconto anche in questo caso.

È un ottimo momento per acquistare un televisore su Amazon: prezzo incredibile per questo Sharp Aquos.

Attenzione però al prezzo anche dei modelli TV Samsung 4K 55″ e 43″!

Oggi offerta fantastica: coupon che permette di risparmiare ben 400 Euro su ECOVACS DEEBOT X1 TURBO 5000Pa con stazione di pulizia automatica 3 in 1, riempimento automatico del serbatoio, elusione degli ostacoli 3D AIVI, controllo vocale.

-28%

LG Gram 16Z90P, Display 16″ Quad HD 16:10 IPS, 2560×1600, Intel Core i7-1165G7, RAM 16GB DDR4, SSD 512GB, Intel Iris Xe, Batteria 80Wh, Thunderbolt4, Win10 PRO, Tastiera Italiana, Peso 1190g, Nero

1799.00 1299.99 Compra ora

-26%

LG Gram 17Z90P, Display 17″ Quad HD 16:10 IPS, 2560×1600, Intel Core i7-1165G7, RAM 16GB DDR4, SSD 512GB, Intel Iris Xe, Batteria 80Wh, Thunderbolt4, Win10 PRO, Tastiera Italiana, Peso 1350g, Black

1899.00 1399.99 Compra ora

Sono al prezzo più basso di sempre questi fantastici PC portatili LG Gram, differenziati per il monitor da 16 oppure 17 pollici. Proprio il monitor è una delle componenti più pregiate, sia per qualità, sia per la risoluzione di ben 2560×1600 pixel. Di profilo molto elevato, oltre al design, anche la componentistica generale: Intel Core i7-1165G7, RAM 16GB DDR4, SSD 512GB PCIe!

-33%

Samsung Monitor Gaming Odyssey G3 (S24AG302), Flat, 24″, 1920×1080 (Full HD), VA, 144 Hz, 1 ms, FreeSync Premium, HDMI, Display Port, Ingresso Audio, HAS, Pivot, Flicker Free, Eye Saver Mode

269.00 179.90 Compra ora

Costa solo 179€, prezzo più basso di sempre, il monitor gaming Samsung Monitor Odyssey G3! 24″ flat, 144Hz, 1920×1080 pixel.

Potendo spendere qualcosa in più, prezzo più basso di sempre per MSI Optix MAG274R2 da 27″, 1920x1080pixel, 165Hz!

Oggi, sotto gli 80 Euro, c’è questo SSD Samsung SATA da 1TB!

In super offerta, questo SSD Gen4 (fino a 6600MB/s) da 500GB di Crucial!

In alternativa, verificate il prezzo di questo WD Blue da ben 2 TB.

Ecco anche un bel kit memoria da 32GB totali a prezzo super, Corsair Vengeance.

Perché comprare SanDisk 1TB Extreme SSD NVMe? Compatto, sta ovunque, è veloce e robustissimo e oggi costa la metà! Immaginate una chiavetta USB da 1TB, che però vanta una velocità di trasferimento dati fino a 1050MB/s. Questo significa non solo trasferire dati in modo molto veloce, ma anche lavorare con file presenti su questo SSD esterno senza doverli trasferire sul PC!

Prezzo interessante per l’hard disk esterno Seagate Desktop Drive da ben 8 TB.

Metà prezzo per questo ottimo SSD PCIe 4.0 WD da 1TB!

TOP: questo è veramente un PC da favola, con uno sconto pazzesco di 600 Euro.  Non si trova a questo prezzo un PC con monitor così bello, un 13,9″ rapporto 3:2 con risoluzione 3000×02000 pixel, touchscreen, processore Intel i5-1135G7, 16 GB RAM, SSD da 512GB. Un vero affare!

-26%

HP – PC 15s-eq2032nl PC Portatile Notebook, AMD Ryzen 5-5500U, RAM 8 GB, SSD 512 GB, Grafica AMD Radeon, Windows 10 Home, Display 15.6″ FHD, Lettore Impronte Digitali, Webcam, Lettore SD, Argento

649.99 479.00 Compra ora

-10%

HP – PC Pavilion 15-eh2001sl Notebook, AMD Ryzen 7 5820U, RAM 16GB DDR4, SSD 1TB, Display 15,6″ FHD IPS Antiriflesso, Grafica AMD RX Vega 8, Audio B&O, Wi-Fi, LettoreSD, Webcam HD, Windows 11, Argento

999.99 899.99 Compra ora

Era e resta ottimo anche nel prezzo questo portatile HP con Ryzen 5, 8GB di memoria SSD da 512GB e schermo full HD, ottimo tuttofare.

-13%

HP – Gaming Victus 16-e0007sl Notebook, AMD Ryzen 7 5800H, RAM 16 GB, 1 TB SSD NVME PCIe M.2, Display 16,1″ FHD 144Hz IPS, Grafica Nividia RTX 3060 da 6GB, Wi-Fi 6, BLE 5.2, Windows 11, Grigio

1599.99 1399.00 Compra ora

Un PC gaming HP pazzesco a prezzo super: schermo 16″ Full HD 144Hz, 16GB di RAM, 1TB di SSD PCIe, NVIDIA GeForce RTX 3060!

Super scontato anche un modello con processore, RAM e SSD simili, ma con display da 14″ con risoluzione 2,5K (2520×1680 pixel).

Prezzo più basso di sempre per questa scheda video GeForce NVIDIA RTX 3080 Ti!

Ottimo prezzo per un potentissimo PC desktop gaming con Intel Core i7-10700F, Nvidia GeForce RTX3080 10GB, 16 GB di RAM e SSD da 1 TB: perfetto per i giochi, e non solo!

Gran prezzo per il super processore AMD Ryzen 7 5800X (8C/16T, 36MB di cache, fino a 4,7 GHz Max Boost). Anche altri due modelli sono veramente interessanti.

Echo Dot di terza e quarta generazione in forte sconto!

Due ottimi mouse Logitech in sconto!

SPECIALE SMARTPHONE Honor X8, nella versione da 8GB/128GB, oggi costa solo 229€! Ottimo terminale, con Android 11. Super offerta per Honor 50 6/128GB, che prezzo!

SPECIALE PORTATILI che non c’era al Prime Day: 400 Euro di sconto su un ottimo portatile gaming, Acer Nitro 5 con CPU Intel Core i7-11800H, 16GB di RAM, 1TB di SSD PCIe, display 15.6″ Full HD IPS 144Hz LED LCD, NVIDIA GeForce RTX 3050Ti 4 GB!

TOP: in rapporto al prezzo è uno dei migliori portatili in circolazione. Ha uno schermo fantastico 2.5K, per la precisione 2520×1680 pixel, inoltre vanta AMD Ryzen 5 5600H, 16 GB RAM, 512 GB PCIe SSD! Più classico con lo schermo 14 pollici con aspect ratio 16:9 HUAWEI MateBook D 14, anche qui con sconto di 350 euro.

Se volete risparmiare, a una fascia di prezzo inferiore non perdete HONOR Magicbook X15 con Intel Core i3-10110U, 8 GB di RAM, SSD da 256 GB, un’ottima configurazione a questo prezzo. In questa fascia ora la migliore offerta su Amazon.

-28%

realme Pad, 4GB+64GB(up to 1TB), 2K Display WUXGA+ 10.4″, Quad Speakers Dolby, MTK Helio G80, Mega batteria 7100mAh, Quick Charge 18W, Metallic Body, Design Ultra Slim da 6.9 mm, Android11, WIFI, Grey

259.99 187.90 Compra ora

Un ottimo tablet realme a prezzo super, versione sia solo Wi-Fi che LTE a poco più.

Jabra Elite 3, in diverse colorazioni, oggi costano solo 59,99€!

Ci sono anche molti Apple Watch!

Ottimo prezzo anche per queste stampanti HP

Restano in sconto come al Prime Day due ottime soundbar con subwoofer di LG!

Le soundbar Samsung ora sono quelle con i prezzi migliori.

Tanti prodotti Oral-B in offerta super!

Ottimo prezzo per questo avvitatore professionale, con due kit accessori diversi.

Super prezzi Geox! Sono solo alcuni esempi, guardale tutte!

Se siete fortunati con il numero, Adidas Stan Smith, Superstar e Clarks in super offerta!

TUTTE LE OFFERTE CON I COUPON QUI

Una volta arrivati alla pagina che vi abbiamo suggerito, proprio nel link qui sorpa, ci si trova di fronte ad una serie di prodotti casuali. Basterà selezionare nella strana voce “Schermo” la categoria, in quella “Ordina per” i più recenti, i più vecchi, quelli con la percentuale di sconto maggiore. Lo sconto viene applicato al momento del pagamentoCosa aspettate?

Sorgente articolo:
Amazon, offerte a valanga! Prezzi super per gli smartphone realme, Xiaomi, OnePlus, Google Pixel e iPhone. Ma non solo: ecco tutti gli affari del giorno

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Il tuo Sito Web Personalizzato
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Pubblicizza sito
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Videochiamate per le Aziende

iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

La presentazione della prossima generazione di iPhone e Apple Watch potrebbe avvenire mercoledì 7 settembre, almeno secondo quanto riportato dal giornalista Mark Gurman di Bloomberg, sempre molto attento verso le mosse della Mela.

La linea iPhone 14 non dovrebbe subire particolari stravolgimenti: ad oggi le voci di corridoio più insistenti indicano moduli fotocamera aggiornati per iPhone 14 Pro, l’addio alla notch a favore di una apertura frontale circolare e grande quanto l’obiettivo della fotocamera e un nuovo chip sotto la scocca, presumibilmente con il nome di A16.

Secondo le indiscrezioni che circolano al momento la Mela prevede di rilasciare quattro modelli di smartphone: iPhone 14 e iPhone 14 Pro da 6,1 pollici e iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max da 6,7 pollici. Con grossa probabilità verrà abbandonato iPhone mini da 5,4 pollici dopo che le precedenti generazioni non hanno raccolto un convincente riscontro da parte del pubblico per questi modelli.

Per quanto riguarda invece Apple Watch si parla di tre modelli: oltre ad Apple Watch Series 8 e Apple Watch SE, che sono form factor già noti, si parla da qualche tempo di una nuova versione “Pro” caratterizzata da una cassa di maggiori dimensioni, un nuovo design e una maggiore robustezza e resistenza a urti e infiltrazioni d’acqua. 

In realtà Apple sarebbe anche al lavoro su un nuovo iPad, su un aggiornamento di iPad Pro e sul fantomatico Mac Pro con SoC Apple Silicon, ma di norma a queste categorie di prodotto viene riservato un evento specifico, probabilmente nel corso del mese di ottobre.

La data della presentazione di iPhone 14 e Apple Watch Series 8 non è ancora ufficiale, ma Apple avrebbe comunque già registrato l’evento che si terrà ancora una volta in forma virtuale. Tuttavia altri elementi raccolti da Gurman indicherebbero che lo staff degli Apple Store è stato istruito per le vendite di nuovi prodotti il 16 settembre, corroborando ulteriormente l’ipotesi che i nuovi iPhone e Watch potrebbero essere presentati la settimana precedente.


Sorgente articolo:
iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Invia Email di Marketing
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Primo su google
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro

iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

La presentazione della prossima generazione di iPhone e Apple Watch potrebbe avvenire mercoledì 7 settembre, almeno secondo quanto riportato dal giornalista Mark Gurman di Bloomberg, sempre molto attento verso le mosse della Mela.

La linea iPhone 14 non dovrebbe subire particolari stravolgimenti: ad oggi le voci di corridoio più insistenti indicano moduli fotocamera aggiornati per iPhone 14 Pro, l’addio alla notch a favore di una apertura frontale circolare e grande quanto l’obiettivo della fotocamera e un nuovo chip sotto la scocca, presumibilmente con il nome di A16.

Secondo le indiscrezioni che circolano al momento la Mela prevede di rilasciare quattro modelli di smartphone: iPhone 14 e iPhone 14 Pro da 6,1 pollici e iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max da 6,7 pollici. Con grossa probabilità verrà abbandonato iPhone mini da 5,4 pollici dopo che le precedenti generazioni non hanno raccolto un convincente riscontro da parte del pubblico per questi modelli.

Per quanto riguarda invece Apple Watch si parla di tre modelli: oltre ad Apple Watch Series 8 e Apple Watch SE, che sono form factor già noti, si parla da qualche tempo di una nuova versione “Pro” caratterizzata da una cassa di maggiori dimensioni, un nuovo design e una maggiore robustezza e resistenza a urti e infiltrazioni d’acqua. 

In realtà Apple sarebbe anche al lavoro su un nuovo iPad, su un aggiornamento di iPad Pro e sul fantomatico Mac Pro con SoC Apple Silicon, ma di norma a queste categorie di prodotto viene riservato un evento specifico, probabilmente nel corso del mese di ottobre.

La data della presentazione di iPhone 14 e Apple Watch Series 8 non è ancora ufficiale, ma Apple avrebbe comunque già registrato l’evento che si terrà ancora una volta in forma virtuale. Tuttavia altri elementi raccolti da Gurman indicherebbero che lo staff degli Apple Store è stato istruito per le vendite di nuovi prodotti il 16 settembre, corroborando ulteriormente l’ipotesi che i nuovi iPhone e Watch potrebbero essere presentati la settimana precedente.


Sorgente articolo:
iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Small Business CRM
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Free Web Hosting
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Prova Gratuita
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro

iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

La presentazione della prossima generazione di iPhone e Apple Watch potrebbe avvenire mercoledì 7 settembre, almeno secondo quanto riportato dal giornalista Mark Gurman di Bloomberg, sempre molto attento verso le mosse della Mela.

La linea iPhone 14 non dovrebbe subire particolari stravolgimenti: ad oggi le voci di corridoio più insistenti indicano moduli fotocamera aggiornati per iPhone 14 Pro, l’addio alla notch a favore di una apertura frontale circolare e grande quanto l’obiettivo della fotocamera e un nuovo chip sotto la scocca, presumibilmente con il nome di A16.

Secondo le indiscrezioni che circolano al momento la Mela prevede di rilasciare quattro modelli di smartphone: iPhone 14 e iPhone 14 Pro da 6,1 pollici e iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max da 6,7 pollici. Con grossa probabilità verrà abbandonato iPhone mini da 5,4 pollici dopo che le precedenti generazioni non hanno raccolto un convincente riscontro da parte del pubblico per questi modelli.

Per quanto riguarda invece Apple Watch si parla di tre modelli: oltre ad Apple Watch Series 8 e Apple Watch SE, che sono form factor già noti, si parla da qualche tempo di una nuova versione “Pro” caratterizzata da una cassa di maggiori dimensioni, un nuovo design e una maggiore robustezza e resistenza a urti e infiltrazioni d’acqua. 

In realtà Apple sarebbe anche al lavoro su un nuovo iPad, su un aggiornamento di iPad Pro e sul fantomatico Mac Pro con SoC Apple Silicon, ma di norma a queste categorie di prodotto viene riservato un evento specifico, probabilmente nel corso del mese di ottobre.

La data della presentazione di iPhone 14 e Apple Watch Series 8 non è ancora ufficiale, ma Apple avrebbe comunque già registrato l’evento che si terrà ancora una volta in forma virtuale. Tuttavia altri elementi raccolti da Gurman indicherebbero che lo staff degli Apple Store è stato istruito per le vendite di nuovi prodotti il 16 settembre, corroborando ulteriormente l’ipotesi che i nuovi iPhone e Watch potrebbero essere presentati la settimana precedente.


Sorgente articolo:
iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Prova Gratuita
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro

iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

La presentazione della prossima generazione di iPhone e Apple Watch potrebbe avvenire mercoledì 7 settembre, almeno secondo quanto riportato dal giornalista Mark Gurman di Bloomberg, sempre molto attento verso le mosse della Mela.

La linea iPhone 14 non dovrebbe subire particolari stravolgimenti: ad oggi le voci di corridoio più insistenti indicano moduli fotocamera aggiornati per iPhone 14 Pro, l’addio alla notch a favore di una apertura frontale circolare e grande quanto l’obiettivo della fotocamera e un nuovo chip sotto la scocca, presumibilmente con il nome di A16.

Secondo le indiscrezioni che circolano al momento la Mela prevede di rilasciare quattro modelli di smartphone: iPhone 14 e iPhone 14 Pro da 6,1 pollici e iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max da 6,7 pollici. Con grossa probabilità verrà abbandonato iPhone mini da 5,4 pollici dopo che le precedenti generazioni non hanno raccolto un convincente riscontro da parte del pubblico per questi modelli.

Per quanto riguarda invece Apple Watch si parla di tre modelli: oltre ad Apple Watch Series 8 e Apple Watch SE, che sono form factor già noti, si parla da qualche tempo di una nuova versione “Pro” caratterizzata da una cassa di maggiori dimensioni, un nuovo design e una maggiore robustezza e resistenza a urti e infiltrazioni d’acqua. 

In realtà Apple sarebbe anche al lavoro su un nuovo iPad, su un aggiornamento di iPad Pro e sul fantomatico Mac Pro con SoC Apple Silicon, ma di norma a queste categorie di prodotto viene riservato un evento specifico, probabilmente nel corso del mese di ottobre.

La data della presentazione di iPhone 14 e Apple Watch Series 8 non è ancora ufficiale, ma Apple avrebbe comunque già registrato l’evento che si terrà ancora una volta in forma virtuale. Tuttavia altri elementi raccolti da Gurman indicherebbero che lo staff degli Apple Store è stato istruito per le vendite di nuovi prodotti il 16 settembre, corroborando ulteriormente l’ipotesi che i nuovi iPhone e Watch potrebbero essere presentati la settimana precedente.


Sorgente articolo:
iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Pubblicizza sito
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Small Business CRM
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Video Corsi Online

iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

La presentazione della prossima generazione di iPhone e Apple Watch potrebbe avvenire mercoledì 7 settembre, almeno secondo quanto riportato dal giornalista Mark Gurman di Bloomberg, sempre molto attento verso le mosse della Mela.

La linea iPhone 14 non dovrebbe subire particolari stravolgimenti: ad oggi le voci di corridoio più insistenti indicano moduli fotocamera aggiornati per iPhone 14 Pro, l’addio alla notch a favore di una apertura frontale circolare e grande quanto l’obiettivo della fotocamera e un nuovo chip sotto la scocca, presumibilmente con il nome di A16.

Secondo le indiscrezioni che circolano al momento la Mela prevede di rilasciare quattro modelli di smartphone: iPhone 14 e iPhone 14 Pro da 6,1 pollici e iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max da 6,7 pollici. Con grossa probabilità verrà abbandonato iPhone mini da 5,4 pollici dopo che le precedenti generazioni non hanno raccolto un convincente riscontro da parte del pubblico per questi modelli.

Per quanto riguarda invece Apple Watch si parla di tre modelli: oltre ad Apple Watch Series 8 e Apple Watch SE, che sono form factor già noti, si parla da qualche tempo di una nuova versione “Pro” caratterizzata da una cassa di maggiori dimensioni, un nuovo design e una maggiore robustezza e resistenza a urti e infiltrazioni d’acqua. 

In realtà Apple sarebbe anche al lavoro su un nuovo iPad, su un aggiornamento di iPad Pro e sul fantomatico Mac Pro con SoC Apple Silicon, ma di norma a queste categorie di prodotto viene riservato un evento specifico, probabilmente nel corso del mese di ottobre.

La data della presentazione di iPhone 14 e Apple Watch Series 8 non è ancora ufficiale, ma Apple avrebbe comunque già registrato l’evento che si terrà ancora una volta in forma virtuale. Tuttavia altri elementi raccolti da Gurman indicherebbero che lo staff degli Apple Store è stato istruito per le vendite di nuovi prodotti il 16 settembre, corroborando ulteriormente l’ipotesi che i nuovi iPhone e Watch potrebbero essere presentati la settimana precedente.


Sorgente articolo:
iPhone 14 e Apple Watch Series 8 in arrivo (forse) il 7 settembre

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Real Time
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Il tuo Sito Web Personalizzato
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro

Embracer Group ha acquistato Tripwire, Limited Run Games e altre sei aziende

Embracer Group ha acquistato Tripwire Interactive, Limited Run Games, Gioteck, Bitwave Games, Middle-Earth Enterprises, Singtrix, Tatsujin e Tuxedo Labs, fondando al contempo un nuovo gruppo denominato Embracer Freemode.

Si tratta dunque di una nuova acquisizione per l’azienda dopo quella, clamorosa, di Crystal Dynamics, Eidos Montreal e le loro IP, annunciata lo scorso maggio. Se a quel punto Embracer contava 124 studi e oltre 900 proprietà intellettuali, ora le dimensioni della compagnia sono ancora più grandi.

Embracer Freemode si focalizzerà su svariati segmenti del mercato, che includono retrogaming e classici, sviluppo e produzione, dispositivi, accessori e collezionabili, community ed e-commerce, nonché nuove idee tecnologiche. Vediamo invece chi sono i team acquisiti.

Bitwave Games dispone del catalogo sparatutto di Toaplan, nonché del classico platform Gimmick!, mentre Gioteck è un nome piuttosto conosciuto nell’ambito della produzione di accessori da gaming.

Limited Run Games ha bisogno di ben poche presentazioni, è l’etichetta delle edizioni limitate, appunto, che porta in formato fisico ogni anno diversi titoli indie, laddove invece Middle-Earth Enterprises dispone di un’ampia gamma di proprietà intellettuali legate appunto a Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit.

Singstrix si occupa di progetti videoludici a tema musicale e ha sviluppato una propria tecnologia vocale che verrà estesa a nuove piattaforme. Tatsujin è invece lo studio giapponese diretto da Masahiro Yuge, uno dei fondatori di Taoplan.

Tuxedo Labs è il team autore di Teardown e la sua acquisizione segna l’ingresso di Dennis Gustafsson in Embracer Group, mentre Tripwire Interactive è probabilmente lo studio più noto del lotto, responsabile di progetti come Maneater e Killing Floor, ma non solo.

Sorgente articolo:
Embracer Group ha acquistato Tripwire, Limited Run Games e altre sei aziende

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Videochiamate per le Aziende
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Gestione Contatti

Embracer Group ha acquistato Tripwire, Limited Run Games e altre sei aziende

Embracer Group ha acquistato Tripwire Interactive, Limited Run Games, Gioteck, Bitwave Games, Middle-Earth Enterprises, Singtrix, Tatsujin e Tuxedo Labs, fondando al contempo un nuovo gruppo denominato Embracer Freemode.

Si tratta dunque di una nuova acquisizione per l’azienda dopo quella, clamorosa, di Crystal Dynamics, Eidos Montreal e le loro IP, annunciata lo scorso maggio. Se a quel punto Embracer contava 124 studi e oltre 900 proprietà intellettuali, ora le dimensioni della compagnia sono ancora più grandi.

Embracer Freemode si focalizzerà su svariati segmenti del mercato, che includono retrogaming e classici, sviluppo e produzione, dispositivi, accessori e collezionabili, community ed e-commerce, nonché nuove idee tecnologiche. Vediamo invece chi sono i team acquisiti.

Bitwave Games dispone del catalogo sparatutto di Toaplan, nonché del classico platform Gimmick!, mentre Gioteck è un nome piuttosto conosciuto nell’ambito della produzione di accessori da gaming.

Limited Run Games ha bisogno di ben poche presentazioni, è l’etichetta delle edizioni limitate, appunto, che porta in formato fisico ogni anno diversi titoli indie, laddove invece Middle-Earth Enterprises dispone di un’ampia gamma di proprietà intellettuali legate appunto a Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit.

Singstrix si occupa di progetti videoludici a tema musicale e ha sviluppato una propria tecnologia vocale che verrà estesa a nuove piattaforme. Tatsujin è invece lo studio giapponese diretto da Masahiro Yuge, uno dei fondatori di Taoplan.

Tuxedo Labs è il team autore di Teardown e la sua acquisizione segna l’ingresso di Dennis Gustafsson in Embracer Group, mentre Tripwire Interactive è probabilmente lo studio più noto del lotto, responsabile di progetti come Maneater e Killing Floor, ma non solo.

Sorgente articolo:
Embracer Group ha acquistato Tripwire, Limited Run Games e altre sei aziende

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Realizza un Applicazione Web
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parola chiave nella ricerca