Canon svela EOS R5 e R6, due nuove mirrorless 35mm avanzate e performanti – Fotografi Digitali

Finalmente Canon ha calato gli assi che teneva nella manica. Uno l’aveva parzialmente già svelato, lasciandoci sbirciare tra le caratteristiche tecniche, l’altro era vociferato dai rumor, ma è riuscito a rimanere segreto fino alla fine. Si tratta naturalmente delle nuove mirrorless full frame e questa volta Canon sembra aver centrato il bersaglio, dopo che le prime due frecce, Canon R e Canon RP, non erano riuscite a convincere del tutto i puristi del marchio nipponico.

Arrivano quindi in gamma la nuova Canon R5 e la nuova Canon R6, gemelle diverse, accomunate da diverse caratteristiche tecniche, ma con un’anima profondamente diversa. In comune hanno il nuovio sistema di stabilizzazione sul sensore, che promette di arrivare fino a 8 stop di allungamento sui tempi di sicurezza lavorando in accoppiata con l’Image Stabilizer integrato nelle ottiche IS.

Entrambe montano un sensore con messa a fuoco sul piano focale Dual Pixel CMOS AF II di nuova generazione con copertura del 100% del campo inquadrato sia in orizzontale sia in verticale e fino a 6.072/5940 punti AF selezionabili/zone di messa a fuoco. Canon ha rinnovato il sistema, che ora promette prestazioni migliori nel Face Detection, nell’Animal Detection e nell’Eye Tracking. Inoltre ora la sensibilità dichiarata si spinge a -6 EV per R5 e addiritura a -6,5 EV per R6. Entrambe sfruttano un otturatore meccanico in grado di lavorare fino a 12 fotogrammi al secondo e possono arrivare a 20 fps con l’utilizzo del solo otturatore elettronico.

Per entrambe Canon sfoggia una nuova batteria LP-E6NH, retrocompatibile con i modelli precedenti, ma con capacità maggiorata e accreditata di 2130 mAh. Come nei modelli precedenti la batteria può essere ricaricata all’interno del corpo tramite USB-C con protocollo PD (Power Delivery) con possibilità di utilizzo della fotocamera quando collegata all’alimentatore di rete USB-C. Ultimo punto in comune il supporto ai file HEIF con curva HDR PQ, novità introdotta su EOS-1D X Mark III.

Partendo da questa base comune Canon ha però preso due direzioni profondamente diverse per R5 e R6.

Canon EOS R5 – 8K e 45 megapixel

Canon EOS R5 è mirrorless che punta sulla risoluzione, sia in ambito fotografico sia in ambito video, con un sensore full frame da 45 megapixel, in grado di sfornare (e registrare internamente) filmati 8K 30p/25p/24p (DCI o UHD) sfruttando tutta la superficie del sensore e quindi non introducendo nessun fattore di crop. I filmati 8K vengono quindi ripresi in oversampling, così come i filmati 4K, che senza crop arrivano a 120 fps con AF attivo. Entrambi possono essere ripresi con campionamento 4:2:2 a 10 bit in formato Canon-Log o PQ HDR. Canon permette poi di registrare i filmati 8K e 4K in formato RAW a 12 bit, con ampie possibilità in post produzione. Interessante la possibilità di estrarre dai filmati 8K fotogrammi a 35 megapixel.


A livello di corpo macchina, la R5 si segnala per l’adozione di una scheda CFexpress. E’ la seconda EOS ad adottare questo formato, dopo la EOS-1D X Mark III.

Il processore può lavorare in 4K, come già visto e apprezzato sulle fotocamere CINEMA EOS, in modalità Debayer, processando le tre componenti colore RGB singolarmente in oversamplin g 8K e unendole poi per scrivere il filmato 4K sulla scheda. Questa modalità viene definita 4K HQ mode ed è abilitabile e disabilitabile da menu. Per riuscire a tenere il passo della mole di dati generati, Canon ha integrato un doppio slot, uno per schede SD UHS-II e l’altro per CXexpress, garantendo così nel contempo retrocompatibilità, ma anche il massimo delle prestazioni grazie al più recente formato CFex.

Il sensore può lavorare con sensibilità comprese tra 100 e 51200 ISO (espandibili a 102.400 ISO) e offre la funzione DPRAW (Dual Pixel Raw) che permette di agire in modo più flessibile sulla foto dopo lo scatto nello sviluppo in macchina. Canon EOS R5 integra un display touchscreen orientabile vari-angle da 3,2″ e 2,1 milioni di punti e un mirino elettronico OLED da ben 5,76 milioni di punti. Da vera fotocamera professionale Canon EOS R5 integra anche un piccolo display LCD di servizio sulla spalla. A livello di connettività troviamo Bluetooth LE e Wi-Fi, quest’ultimo declinato sia sulla banda da 2,4 GHz sia su quella da 5 GHz.

La fotocamera pesa 738 grammi con batteria e scheda di memoria. Canon EOS R5 sarà disponibile a partire dal 30 Luglio 2020 al prezzo suggerito al pubblico di 4.709 Euro.

Canon EOS R6: 7D Mark II rinasce mirrorless

La nuova Canon EOS R6 punta tutto sulla velocità e integra un sensore full frame da 20 megapixel derivato da quello dell’ammiraglia EOS-1D X Mark III, caratterizzato però da un differente filtro passa-basso. Come già detto ha un autofocus ancora più sensibile di R5 e ne mantiene le capacità di raffica a 12/20 fps.

In questo caso a livello video possiamo registrare in formato 4K 60p con Dual Pixel CMOS AF II attivo con Face Detection e Eye-Tracking. I video vengono ripresi senza crop su tutta la superficie del sensore in oversampling a 5.1K. I filmati possono essere memorizzati internamente in formato Canon Log 4:2:2 e HDR PQ 4:2:2 con codifica H.265 e registrati sfruttando una combinazione tra stabilizzatore IS, IBIS e EIS. Interessante la possibilità di spingersi fino 120 fps in formato Full HD con autofocus attivo.

Il sensore può lavorare con sensibilità comprese tra 100 e 102.400 ISO, con possibilità di espansione a 50-204.800 ISO. In questo caso il display articolato touchscreen ha una diagonale di 3″ e risoluzione 1,62 milioni di punti, mentre il mirino si basa su un pannello OLED da 3,69 milioni di punti. Per la memorizzazione di foto e video i fotografi possono contare su un doppio slot SD UHS-II.

EOS R6 pesa 690 grammi in ordine di marcia e sarà disponibile a partire da fine Agosto 2020 al prezzo suggerito al pubblico di 2.829 Euro in versione solo corpo e 3.149 Euro in kit con ottica RF 24 105mm F4-7.1 IS STM.

Nuovi accessori: BG R10 e WFT R10

Canon ha svelato anche degli accessori dedicati alle nuove macchine fotografiche. Uno è l’impugnatura verticale BG R10, comune alle due macchine, che permette di lavorare più ergonomicamente con la fotocamera in verticale e di operare con alimentare i corpi con una doppia batterie, per aumentare l’autonomia.

È travestito da battery grip (e in effetti permette di ospitare due batterie) il trasmettitore wireless Wi-Fi WFT R10, dedicato a Canon R5. L’accessorio permettere trasferimenti senza fili più veloci, grazie alla tecnologia 2×2 MIMO e la possibilità di utilizzare il protocollo SFTP, ed espande le capacità della macchina anche offrendo un connettore Ethernet.

I nuovi obiettivi: super-tele per le masse!

Infine i nuovi obiettivi: Canon ne presenta ben quattro, tra cui due supertele molto particolari da 600 e 800 millimetri ma con la caratteristica di essere compatti e relativamente leggeri, a prezzi abbordabili: ne parliamo più approfonditamente nella news Quattro nuovi obiettivi Canon RF, da 85 a 800mm.

Sorgente articolo:
Canon svela EOS R5 e R6, due nuove mirrorless 35mm avanzate e performanti – Fotografi Digitali

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Pubblicizza sito
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Fiasconaro