Xbox Series X: il frigo a forma di console gigante anche ad iJustine, ecco l’unboxing

Il mitico frigo a forma di Xbox Series X gigantesca è arrivato anche ad iJustine, che ha prontamente ripreso e caricato su YouTube tutta la scena dall’arrivo del pacco all’unboxing più strano mai visto finora, almeno in ambito videoludico.

A quanto pare, il frigo a forma della nuova console di Microsoft mostrato da Snoop Dogg in un recente video non è un pezzo unico fatto costruire dal celebre rapper, ma è un vero e proprio prodotto industriale, anche se immaginiamo che la sua diffusione sia limitatissima.

Come vediamo in questo video, il frigo è stato consegnato ad iJustine attraverso un muletto speciale con un pacco veramente gigantesco, molto più del “semplice” frigo al suo interno, che a confronto è anche piuttosto compatto. La cosa particolare è che la confezione riprende del tutto quella della console, con tanto di scritte, loghi e informazioni replicati alla perfezione ma in formato enorme.

Si tratta comunque di un elettrodomestico dalle dimensioni davvero molto importanti, con congelatore integrato e porta molto ampia. Dall’inedita inquadratura dall’alto è anche possibile vedere che nella parte alta replica la particolare griglia verde presente anche sulla console, mentre sul retro sono visibili in bassorilievo le prese d’aria e le porte presenti sulla console. Insomma, appare proprio come una replica piuttosto precisa di Xbox Series X in scala gigantesca, con tanto di led illuminato nella parte alta.

All’interno è invece un frigo a tutti gli effetti, con diversi ripiani e a quanto pare anche decisamente pratico, dotato però di immancabile illuminazione interna verde e con tanto di effetto audio di avvio che parte all’apertura dello sportello. Insieme al particolare oggetto, iJustine ha comunque ottenuto anche una vera e propria Xbox Series X, che al confronto con il frigo sembra veramente minuscola.

La celebre youtuber da vari milioni di iscritti è nota soprattutto in USA, dove ha raggiunto una notevole notorietà e di recente è comparsa nelle notizie riguardanti i videogiochi anche per aver ospitato Phil Spencer nel corso di una puntata della sua trasmissione, con intervista che ha toccato ovviamente anche Xbox Series X.

Ijustine Xbox Frigo

Sorgente articolo:
Xbox Series X: il frigo a forma di console gigante anche ad iJustine, ecco l’unboxing

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Small Business CRM
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Consulenza realizzazione Applicazioni Web
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parola chiave nella ricerca
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime

Xiaomi brevetta un nuovo pieghevole: spunta una potenziale marcia in più rispetto ai rivali (foto)

Vincenzo Ronca

Xiaomi è tra i produttori di smartphone sicuramente più attivi, in particolare nel mercato italiano, negli ultimi anni. Tra i prodotti che ha lanciato però non abbiamo ancora visto un dispositivo pieghevole, tipologia per la quale ha già depositato alcuni brevetti.

L’ultimo brevetto depositato da Xiaomi e approvato dal China National Intellectual Property Administration (CNIPA) ha come protagonista una tipologia di pieghevole particolare, che sicuramente non abbiamo visto finora: il concept generale è lo stesso che anima il Galaxy Z Fold 2 di Samsung, lanciato poche settimane fa, ma il display esterno è quello che lo distinguerebbe maggiormente per il meccanismo a scorrimento verticale per liberare il sistema di fotocamere.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Z Fold 2, la recensione

Un sistema a scorrimento per svelare il modulo fotografico anteriore l’abbiamo già visto su OPPO Find X ma mai su uno smartphone pieghevole. Le altre immagini allegate al brevetto, che potete vedere nella galleria in basso, mostrano la presenza di un ulteriore modulo fotografico posteriore.

Il nuovo brevetto depositato da Xiaomi non fornisce la certezza che vedremo la concretizzazione del dispositivo ideato dal produttore cinese. Vi terremo aggiornati sugli eventuali ulteriori sviluppi.

Fonte: LetsGoDigital
Sorgente articolo:
Xiaomi brevetta un nuovo pieghevole: spunta una potenziale marcia in più rispetto ai rivali (foto)

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Gestione Contatti
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Primo su google
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Prova Gratuita

J-POP e Edizioni BD a Lucca Changes

J-POP e Edizioni BD saranno presenti a Lucca Changes con un con contenuti ed eventi digitali, adeguandosi alla nuova veste della kermesse che ha visto potenziare l’offerta di contenuti fruibili a distanza nel pieno rispetto delle norme anti-contagio contro il Coronavirus, senza rinunciare ad albi dedicati in pre-ordine presso i Campfire, tantissime novità manga, fumetto e
variant esclusive.

J-POP Presenta a Lucca Changes

J-POP Manga ha realizzato una serie di approfondimenti video per raccontare e celebrare il Manga in tutte le sue forme.

Eccovi nel dettaglio:

  • Le fiabe in chiaroscuro con Nagabe
    Nagabe, autore del successo Girl from The Other Side, si racconta ai fan italiani in un’intervista-showcase. Dal suo amore per gli animali antropomorfi al messaggio d’inclusione nelle sue opere, scopriamo il mondo interiore di questo autore dal tratto forte ma delicato, osservandolo mentre disegna delle illustrazioni esclusive!
  • Go Nagai: il costruttore di mitologie
    Il leggendario autore di Jeeg Robot e Mazinga si racconta in una speciale intervista rilasciata per il pubblico italiano. In occasione del giubileo dantesco, Go Nagai racconta la sua Commedia in stile manga, un’opera di altissimo valore riconosciuta a pieno titolo come contributo fondamentale alla divulgazione di Dante nel mondo. Partendo dalle ispirazioni stilistiche su Gustave Doré, il grande Nagai racconta di come si è formato il suo immaginario creativo e di come l’importanza dei suoi titoli, da Goldrake a Devilman, sia ad oggi ancora determinante nella nostra cultura.
Foto generiche
  • Migiwa Kamimura: le donne e le strade di Kazuo Kamimura
    In occasione degli ottant’anni dalla nascita del maestro Kazuo Kamimura, abbiamo intervistato la figlia Migiwa che da anni si occupa dell’archivio artistico e delle attività di divulgazione del padre. Narratore di storie in bilico tra temi sociali e amori liquidi, incontrollabili. Kamimura ha saputo raccontare le donne regalando ai suoi lettori una galleria infinita di personaggi femminili che spesso si raccontano negli archetipi di Amore, Eros e Vendetta. Durante il suo breve viaggio in Italia scopre Bianca di Guido Crepax. Sono due autori che, sebbene nati e cresciuti in paesi diversi, hanno percorso strade molto simili, ricche di medesime suggestioni e interessi, legate a una concezione della tavola diversa dalle impostazioni tradizionali. Quentin Tarantino ha una grande devozione per Kamimura al punto che gli rende omaggio con il personaggio di O Ren Ishii nel suo Kill Bill.
  • Makoto Tezuka: l’eredità del Dio del Manga
    Makoto Tezuka è il figlio del grande autore Osamu Tezuka, noto come “il dio dei manga” e ha da poco diretto un film dal vivo ispirato al titolo di suo padre: Barbara. Christopher Doyle, noto per il suo lavoro nei film di Wong Kar-Wai ad Hong Kong, ha partecipato in modo attivo nella realizzazione del progetto. La post produzione del film è stata gestita in Germania e il teaser trailer del film è stato progettato nel Regno Unito. In questa intervista speciale, il giovane Tezuka ci racconta della figura di Osamushi, paragonabile a Walt Disney per il Sol Levante, e l’importanza della sua opera e della sua eredità artistica ancora attuale.
  • Preparare Halloween con Junji Ito
    Uno dei fumettisti horror più famosi al mondo si racconterà al grande pubblico in un’intervista a tema Halloween disponibile dal 29 ottobre su Rai Play, nella sezione dedicata a Lucca Comics & Games – edizione Changes. La sua carriera, le sue ispirazioni, e i suoi personaggi. Che spaventosa zucca creerà questo maestro dell’orrore?

J-POP – gli eventi a Lucca Changes

Eccovi invece gli eventi targati J-POP e Edizioni BD che si terranno Lucca Changes.

  • Sabato 31 Ottobre, Teatro del Giglio, 14:00 – J-POP Show CHANGES 2020!
    Partecipano: Georgia Cocchi Pontalti, Jacopo Costa Buranelli,
    Georgia e Jacopo presentano le novità J-POP Manga per il 2021 e come sempre non mancheranno ospiti e sorprese #WeAreManga
    Special Guests: Gli Psicologi apriranno lo Show con una performance acustica live!
  • Sabato 31 Ottobre, ore 18:30 – Umorismo e satira ai tempi del COVID.
    Dal fumetto a youtube, Barbascura, Don Alemanno, Stefano “Dentiblù” Bonfanti e Walter Leoni moderati da Rick DuFer: gli autori Edizioni BD e Poliniani si confrontano sul ruolo dell’umorismo e della satira ai tempi del COVID.
Foto generiche

J-POP – gli eventi nei Campfire

Durante Lucca Changes, presso i Campfire Games Academy in varie location in tutta Italia, sarà possibile prenotare volumi firmati e con sketch degli autori Edizioni BD e BD Next! Tra gli autori
che parteciperanno all’iniziativa: Fran, Ettore Mazza, Maurizio Lacavalla, Giovanni “Jioke” Dell’Oro, Davide Minciaroni, Francesco Vicentini Orgnani e Fabiana Mascolo.

Tutte i firmacopie saranno in video sui canali Instagram di Edizioni BD e Games Academy.

Sabato 31 ottobre, ore 17:00 – 19:30
Forbidden Planet – Roma
Con Werther dell’Edera – Firmacopie “Something is killing the children – vol. 2” – variant cover esclusiva Forbidden Planet.

J-POP – la Bag of Lucca & Cosplay Projecy

Tre i contenuti esclusivi che si troveranno all’interno della Bag of Lucca disponibile nei Campfire: il primo albo di Critical Role di Matthew Mercer e una illustration card di Werther Dell’Edera raffigurante Erica Slaughter, eroina di Something is Killing the Children. Sempre nella bag of Lucca, il Cosplay Project booklet con alcuni dei più bei cosplay italiani dedicati ai manga J-POP. Un piccolo omaggio a uno degli ingredienti essenziali per vivere appieno l’immersione nei nostri mondi immaginari preferiti.

Creato durante i mesi estivi, il Cosplay Project trova nella settimana di Lucca Changes la sua cornice ideale. Sui social di J-POP Manga infatti per tutta la settimana verranno presentati i protagonisti del Cosplay Project con interviste e video.

J-POP & Edizioni BD novità e variant per Lucca Changes

Ecco una rapida carrellata delle novità previste per Lucca Changes. Iniziamo da Edizioni BD per cui arrivano gli attesissimi seguiti dei titoli BOOM! Studios Something is Killing the Children di James Tynion IV, Werther Dell’Edera e Once and Future di Kieron Gillen, Dan Mora e Tamra Bonvillain in uscita in anticipo rispetto all’edizione americana.

Per gli amanti dei comics e dei giochi di ruolo, finalmente in Italia la trasposizione a fumetti del celebre Critical Role di Matthew Mercer, disponibile anche in versione “classic gdr variant”.

In Critical Role, la banda di avventurieri nota come Vox Machina salverà il mondo. Prima o poi. Ma saranno pure dovuti partire da qualche parte, no? Le strade di sei aspiranti eroi impegnati in missioni apparentemente diverse finiranno per incrociarsi nella cittadina paludosa di Stilben, in cui qualcosa di losco sta accadendo. I sei dovranno unire le forze (più o meno) per capire cosa sta succedendo… ed evitare di uccidersi a vicenda mentre ci provano. Ma, anche se per qualche miracolo riuscissero a collaborare, non è detto che i veri responsabili delle disgrazie di Stilben siano nemici alla loro portata!

Arriva il libro vincitore del Lucca Project Contest ovvero Sangue nel Mare di Elisa Meneghel, mentre per il progetto BD Next, JiokE con il suo attesissimo Pazzia per il quale è prevista una variant esclusiva per le fumetterie.

Ricchissima anche la proposta J-POP.

Il maestro Gou Tanabe torna a rileggere l’opera lovecraftiana cimentandosi con uno dei racconti più celebri e iconici del maestro dell’orrore di Providence: Il richiamo di Cthulhu. Un  trasposizione eccezionale già celebrata anche dalla critica e che J-POP Manga propone in versione deluxe, di grande formato e con copertina cartonata in finta pelle, che omaggia le edizioni dei romanzi di inizio secolo scorso.

Torna il Dio del manga, Osamu Tezuka, con un nuovo e visionario racconto, Unico che va ad arricchire la Osamushi Collection con la storia di un piccolo e innocente unicorno che possiede lo
straordinario potere di donare felicità a chiunque gli stia attorno. Il volume si presenta nella sua versione interamente a colori con lettura all’occidentale come voluta da Osamu Tezuka. Sempre per la Osamushi Collection arriva anche il primo volume del finora inedito Kaos.

In arrivo anche un nuovo shonen soprannaturale: Kemono Jihen!

Un remoto villaggio rurale è scosso da un’improvvisa e terrificante apparizione: una notte, una serie di cadaveri di animali in decomposizione è apparsa lungo le strade! Per risolvere il truce mistero arriva da Tokyo un detective, Inugami, specializzato nei temi dell’occulto. Ghoul, demoni delle nevi, spiriti-volpe e conflitti mai sopiti: inizia un nuovo shonen magicamente esplosivo! In esclusiva con la prima tiratura un gadget speciale: il Kemono Portrait!

Si continua con Golden Gai – Le notti di Tokyo un nuovo capolavoro inedito dall’autore di Lady Snowblood e L’età della Convivenza, Kazuo Kamimura! Questa volta la storia prende
spunto dall’opera del regista di culto Suzuki Norifumi (Sex and Fury).

Rintaro Hibiki, regista di pellicole pinku eiga (film erotici softcore), è sedotto dalle donne che incontra nel “golden district” di Tokyo. Un incontro dopo l’altro, a metà tra il mondo reale e la dimensione onirica, Rintaro troverà ispirazione dalle storie e dai personaggi del Golden Gai, il quartiere alle spalle di Shinjuku e che lo stesso Kamimura amava frequentare. Sarà disponibile anche un’esclusiva variant fumetteria per i Campfire di Lucca Changes.

La collezione di manga d’autore J-POP si arricchisce di un nuovo nome, inedito in Italia: Baron Yoshimoto, che ha ispirato maestri come Go Nagai e ha lavorato insieme a leggende come Monkey Punch, padre di Lupin III. Con la sua matita, Yoshimoto dà voce ai ragazzi, ai giovani teppisti, alle fanciulle ribelli. Il suo volume, Seventeen, ci trasporta nel 1975 quando in Giappone il fenomeno del gekiga è sulla cresta dell’onda. Il clima sociale è turbolento ed emozionante, ricco di risvolti anche politici significativi e i mangaka sono narratori di storie individuali, istantanee di vita che ritraggono una gioventù sognante e arrabbiata, destinata ad arrangiarsi dopo i duri anni della guerra.

Infine in uscita anche il nuovo Box di Pokémon La Grande Avventura, dove si concludono le avventure di Diamante e Perla e ritornano Oro e Argento!

E ancora Fatti Forza, Nakamura!, un volume unico che unisce i temi del Boy’s love alla commedia più irresistibile, il tutto unito a un segno grafico che ricorda deliziosamente manga di culto anni ’80 come Orange Road. Non poteva mancare una nuova novel del maestro Makoto Shinkai (già autore di your name. e weathering with you), I bambini che inseguono le stelle – Viaggio Verso Agartha.

Il nuovo alleato di Lucca Changes: 3Labs

3Labs sarà partner tecnico d’eccezione per affrontare l’offerta digitale di Lucca Changes! 3Labs è l’editore di Tom’s Hardware, MobileLabs, OfferteLabs, MotorLabs, GameDivision, Cultura Pop, B2BLabs, SpazioGames, TechRadar Italia, TrueMetal, e funge da network per influencer attivi su tutte le principali piattaforme come YouTube, Instagram, TikTok, Twitch e Facebook.

Lucca Changes

Andrea Ferrario, AD di 3Labs ha dichiarato:

Siamo orgogliosi di collaborare a questa rivoluzionaria edizione di Lucca Comics & Games; metteremo a disposizione tutta l’esperienza come editori maturata in anni di gestione di molteplici siti di informazione e come agenzia di management di talenti con milioni di followers.

Roberto Buonanno, titolare di 3Labs ha aggiunto:

Da visitatore assiduo di Lucca Comics & Games per me è un sogno supportare, con la mia azienda, Lucca Changes e lavorare a una nuova frontiera degli eventi online, partecipata e universale.

Visitate lo store Amazon esclusivo di Lucca Changes con prodotti già disponibili e molti in pre-ordine.

Sorgente articolo:
J-POP e Edizioni BD a Lucca Changes

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Invia Email di Marketing
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Primo su google

Ubisoft spenderà 1 milione di euro per un trailer

In queste ore sono emersi gli estremi dell’accordo che Ubisoft e l’agenzia di marketing Goodbye Kansas hanno siglato per realizzare un trailer (o una serie di filmati dello stesso “argomento”) su di uno dei grandi giochi che arriveranno nei prossimi mesi da parte del publisher francese. Si tratta di un accordo da 11 milioni di corone svedesi (circa 1 milione di euro), una cifra notevole per un unico lavoro.

Goodbye Kansas, però, è un’agenzia piuttosto famosa nel settore. Anche se non aveste mai sentito parlare di lei, sicuramente avrete visto qualcuno dei suoi lavori. Stiamo parlando del trailer del season pass di Watch Dogs 2, dei personaggi di Ghost Recon Wildlands o il trailer cinematico di Watch Dogs 2.

Più recente lavoro è il trailer di Cyberpunk 2077 con Keanu Reeves come protagonista. Ma in generale l’agenzia è quella che ha coinvolto l’attore americano nel gioco di CD Projekt RED. Si tratta quindi di persone sicuramente sul pezzo e in grado di creare contenuti capaci di bucare lo schermo.

Vedendo il portfolio di Goodbye Kansas ci verrebbe da pensare che lo studio possa essere al lavoro su di un nuovo trailer di Watch Dogs: Legion, avendo già lavorato sulla serie. Le origini svedesi sarebbero però perfette per un filmato a tema Assassin’s Creed Valhalla.

Ubisoft ha anche in lavorazione Immortals Fenyx Rising, Far Cry 6 e Beyond Good & Evil 2, quindi il dare in mano a Goodbye Kansas la campagna marketing, potrebbe essere il modo per imprimere maggior spinta a questi progetti. Sempre che non si tratti del remake di Prince of Persia…

Sorgente articolo:
Ubisoft spenderà 1 milione di euro per un trailer

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Online
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Pubblicizza sito
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Ugo Fiasconaro

Genshin Impact, Jean prende vita nel cosplay di cosgirl_sora

Genshin Impact è uno dei titoli più popolari di questo periodo, e sicuramente anche voi ne avrete sentito parlare: potreste anche averlo provato, dal momento che è disponibile gratuitamente su PlayStation 4, PC e dispositivi mobile Android e iOS. Ma in questo articolo vogliamo mostrarvi altro: cioè un nuovo cosplay.

La cosplayer cosgirl_sora ha dedicato la sua ultima fatica ad un personaggio femminile decisamente importante di Genshin Impact: Jean, dei Knights of Favonius. Si tratta del comandante in carica della divisione di Mondstadt, la prima vera città visitata dal protagonista. Come noterete, questo costume è stato molto curato dal punto di vista dei particolari e degli accessori: tanto che sembra trattarsi proprio della Jean di Genshin Impact, trasportata nel mondo reale.

Vi proponiamo qui di seguito l’immagine del cosplay, e chiaramente attendiamo i vostri commenti: vi piace? Non vi piace? Poteva essere ancora più curato? Infine annotiamo la presenza, sulle nostre pagine, di alcuni cosplay sempre a tema Genshin Impact, dedicati rispettivamente alla strega Lisa e a Diluc.

Sorgente articolo:
Genshin Impact, Jean prende vita nel cosplay di cosgirl_sora

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Cloudrealtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parole chiavi nelle ricerche
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Small Business CRM

Live action Disney: tutti i film annunciati e usciti al 2020

Quali sono i live action Disney disponibili? Quali trasposizione dal cartoon al “reale” o al digitale hanno avuto successo e quali invece sono state una delusione?  Nonostante si pari di cartoon o di film dei Classici Disney son piene le sale cinematografiche. Lo abbiamo vissuto pochi mesi fa con Aladdin, lo stiamo vivendo ora con Il Re Leone, lo vivremo di nuovo a breve con Lilli e il Vagabondo e Mulan.

Ormai è un fatto assodato: la casa madre fondata dal padre delle storie che fanno sognare grandi e piccini da generazioni, stanno riproponendo uno dopo l’altro i lungometraggi dedicati ai titoli riconosciuti a livello mondiale, grazie a una puntuale traduzione in una miriade di lingue e in altrettanti libri, album da colorare e chissà quante altre versioni narrative diverse. Una cosa è certa: squadra che vince, non si cambia. Per quanto possa variare la modalità e il linguaggio narrativo utilizzati, se la storia rimane imperitura nel tempo, la base di partenza è già significativa.

Update Ottobre 2020

Gli aggiornamenti arrivano sui prossimi lavori in cantiere per Disney, a partire da Cruella, il live action dedicato a Crudelia DeMon, il villain de La carica dei 101 e interpretata da Emma Stone. La trama racconta la storia dell’adolescente Estella, che desidera diventare stilista, essendo stata graziata da talento, innovazione e ambizione in egual misura. Ma la vita sembra intenzionata a fare in modo che i suoi sogni non diventino mai realtà. A dodici anni si ritrova orfana e senza un soldo a Londra, e quattro anni dopo Estella corre nelle strade della città con i suoi migliori amici e complici di piccoli crimini, Horace e Jasper, due ladri dilettanti. Quando un incontro fortuito la catapulta nel mondo dei ricchi e famosi, Estella comincia a mettere in discussione l’esistenza che ha costruito per se stessa, e si chiede se dopotutto possa essere destinata a qualcosa di più. Quando una rockstar emergente le commissiona un abito originale, lei inizia a sentirsi davvero arrivata. Ma qual è il costo per tenere il rapido passo della folla? E’ un prezzo che Estella è disposta a pagare?

Un’altra novità riguarda da vicino una tenera coppia dell’industria Disney, Cip e Ciop, riprendendo il programma Cip & Ciop Agenti Speciali andato in onda a fine anni ’80. Presto quest’ultimo avrà un proprio live action, distribuito direttamente su Disney+ e che prevede anche il cast di doppiatori originale: Tress MacNeille per la voce di Cip e Scheggia; Corey Burton per Ciop e Zipper; infine Jim Cummings sarà ancora una volta Monterey Jack. Nessuna notizia invece sull’antagonista ricorrente, il Professor Pandemonium, doppiato sempre da Cummings. Alla regia siederà Akiva Schaffer (noto per (Hot Rod Popstar: Never Stop Never Stopping). Gli sceneggiatori saranno Dan Gregor e Doug Mand, che hanno in passato scritto alcuni episodi di How I Met Your Mother, mentre David Hoberman e Todd Lieberman saranno i produttori della serie.

Infine aumentano i rumours dedicati al sequel del live action de Il re leone, incaricando il premio Oscar Barry Jenkins di dirigere questo nuovo capitolo. Il film sarà realizzato anche in questo caso con la tecnologia fotorealistica utilizzata dal regista Jon Favreau nel film del 2019, ma non è stata fissata una data di uscita o per l’inizio della produzione e, al momento, pare che non si tratterà di un vero seguito del primo film, ma dell’esplorazione della mitologia dei personaggi, tra cui l’origine di Mufasa, che verrà esplorata spostandosi avanti e indietro nel tempo. Nessuna notizia, invece, è trapelata sul cast.

Update Settembre 2020

Abbiamo notizie riguardanti proprio il prossimo live action dedicato a Peter Pan, dal titolo Peter Pan & Wendy ha trovato l’attrice per il ruolo di Trilly, anche nota in versione italiana con il nome di Campanellino. Si tratta dell’attrice Yara Shahidi, ingaggiata nel film accanto a Jude Law nel ruolo di Capitan Uncino, Alexander Molony nel ruolo di Peter e Ever Anderson nel ruolo di Wendy. Il live action Mulan, in uscita il 4 settembre con Accesso Vip a pagamento (€21,99) su Disney Plus, è stato annunciato anche per essere visionato gratuitamente. Ma come e quando? Il film sarà infatti noleggiabile fino al 2 novembre, mentre dal 4 dicembre 2020 sarà disponibile per tutti gli abbonati a costo zero. Dovremo quindi attendere qualche mese per poterlo vedere gratuitamente, e sembra che il film possa comunque uscire nei cinema nel 2021, ma attendiamo ulteriori notizie. Nell’attesa, vi lasciamo la featurette rilasciata prima della disponibilità sulla piattaforma streaming:

Update Agosto 2020

Ci sono finalmente novità per la pellicola di Mulan, opera dall’uscita ormai controversa e rimandata vieppiù volte. Ora abbiamo una risposta: Disney ha deciso di intraprendere una strada diversa per il rilascio del titolo, con il rilascio della distribuzione streaming in anteprima del film ma sotto forma di “premiere”, a partire dal 4 settembre. Ciò significa che la pellicola sarà a pagamento, per l’esattezza si parla di un prezzo di €21,99. Il film uscirà nei cinema solo dove questi sono aperti, ma non ci sono ancora notizie ad oggi (4 agosto) per quanto riguarda l’Italia, o dove non è previsto il rilascio su Disney Plus. Non manca inoltre la nuova uscita dettata da un mix di tecnica CGI  e live-action, L’unico e insuperabile Ivan, che si aggiungerà al catalogo Disney Plus dall’11 settembre 2020. Infine ci giungono anche notizie dal mondo di Pinocchio, il cui live action sarà diretto da Robert Zemeckis e vedrà Tom Hanks nei panni di Geppetto.

Update Luglio 2020

Per quanto riguarda il film Mulan, sappiamo che ad oggi, l’uscita è rimandata a data da destinarsi, per via dell’emergenza sanitaria che si sta abbattendo duramente sugli StatesSappiamo invece con un po’ più di sicurezza che sono riprese le registrazioni sul set de La Sirenetta, film che al momento non ha ancora una data di uscita, ma si ventila l’opzione per il 19 Novembre 2021. Torna a farsi sentire anche Peter Pan, di cui al momento non è ancora fissata una data di uscita, nemmeno per questa pellicola, ma le cui  riprese inizieranno in quel di Vancouver l’8 marzo 2021 e proseguiranno fino al 30 giugno. Prima dell’emergenza sanitaria legata al COVID-19 si ipotizzava a un’uscita nel 2021, ma i ritardi sono necessariamente ipotizzabili anche per questo film. Sappiamo anche che Jude Law (già protagonista nel recente Animali Fantastici 2 – I crimini di Grindelwald) è in trattative per il ruolo di Capitan Uncino, mentre Alexander Molony vestirà i panni del protagonista Peter Pan.

Update Giugno 2020

Uno dei film che purtroppo registra un nuovo slittamento nell’uscita in sala è Mulan, la cui uscita nelle sale americane è attualmente prevista per il prossimo 21 agosto, a differenza di quanto preannunciato sinora.

Riprendendo i lavori a regimi sempre più pieni, Disney ha annunciato, nella persona del giornalista insider Daniel Ritchman, che tra i vari titoli live action in sviluppo, risulta esservi anche Taron e la pentola Magica, solo dopo aver riacquisito i diritti di sfruttamento. Il film lanciato nel 1985 non ebbe grande successo, ma nel tempo è stato rivalutato come titolo cult. Sarà abbastanza di culto per essere distribuito sulla piattaforma Disney+, o uscirà direttamente al cinema?

Foto generiche

Non abbiamo ancora una data precisa, così come non ce ne sono per gli altri titoli annunciati recentemente. Tra questi, spunta La Regina delle Nevi, storia dalla quale è stato tratto anche Frozen, rifacendosi entrambe alla fiaba di Hans Christian Andersen. Non abbiamo ancora dettagli né sulla trama, né sulla potenziale data di uscita, ma non è il solo titolo ipotizzato.

Al momento, si parla anche di un live action dedicato a Hercules, Il Gobbo di Notre-Dame e Robin Hood, ma si tratta solo di rumors per i quali dobbiamo attendere ulteriori notizie ufficiali e confermate dagli studios.

Update Aprile 2020

Il periodo non è dei migliori, nel mondo dell’entertainment. Come tutti sappiamo, parecchi film in uscita nelle sale cinematografiche sono stati rimandati o perfino cancellati. Quest’ultimo non è il caso di Mulan, il live action di cui vi parlavamo in un precedente update e previsto in uscita fine marzo. L’uscita del titolo è attualmente riprogrammata al 24 luglio 2020, in un periodo che ci auguriamo sia decisamente più tranquillo di quello che stiamo vivendo e che ci consenta di tornare in sala.

Update Marzo 2020

Nonostante il periodo davvero difficile che si sta vivendo a livello praticamente planetario, o quasi, anche il mondo della cinematografia ne sta risentendo parecchio, ma non tutto è perduto. Consoliamoci con una buona notizia che riguarda i classici Disney, ultimamente soggetti a una serie di ritorno sugli schermi grazie ai live action che la casa madre sta sfornando. Questa volta si tratta di Lilli e il Vagabondo, remake prodotto nel 2019, diretto da Charlie Bean e scritto da Andrew Bujalski e Kari Granlun, uscito solo pochi giorni fa sulla piattaforma streaming Disney Plus. Al momento infatti la magica storia dei due cagnolini può essere rivissuta solo su questo servizio in abbonamento, ma come possiamo perderci il rifacimento del classico, uscito per la prima volta nel 1955 e narra le avventure del cocker e del bastardino, annoverati tra i più famosi cagnolini della storia del cinema.

Update Gennaio 2020

Nuovo anno iniziato… ed ecco le novità previste da Disney per i live-action in arrivo o annunciati!

Mulan – (Marzo 2020)

Previsto in arrivo il 26 marzo 2020, la storia dell’eroina nata nell’estremo oriente torna a farci vivere le avventure di Mulan, interpretata da Liu Yifei, la quale ha dato il volto a una valorosa combattente dell’esercito comandato dall’imperatore cinese. L’ennesimo live action tratto dall’originale cartone animato del 1998 si appresta a popolare i grandi schermi delle nostre sale, cercando di fare breccia tra colori, combattimenti e atmosfere orientali: riusciranno a creare un ottimo effetto nostalgia nel cuore di chi ben conosce il cartone animato? Sarà un’altra croce e delizia per i fan come l’edizione 2019 de Il re leone? Non ci resta che attendere un paio di mesi e vedere da vicino il risultato della regia di Niki Caro.

Cruella (2021)

Dopo la posticipazione dell’uscita del nuovo film dedicato a una delle classiche figure delle “cattive” Disney, siamo sempre più incuriositi dalla performance di Emma Stone nel prossimo live action Cruella, la famigerata cacciatrice di dalmata de La carica dei 101. Dalla regia di Craig Gillespie, il film recupera le origini di uno dei villain che abbiamo progressivamente “perso per strada”, andando a rispolverare una storia sicuramente classica e molto famosa, ma sulla quale si sono ormai posate le polveri del tempo trascorso. Dobbiamo però attendere parecchio per vedere la bella Stone nei panni, o meglio nella pelliccia, più temuta dai cani Disney.

Peter Pan e Wendy (2020)

Tornare all’Isola-che-non-c’è? Perché no! Il bambino che non voleva mai crescere torna sugli schermi in un live action Disney ancora in lavorazione e dal titolo Peter Pan e Wendy, una lieve variazione sul tema che potrebbe stare a indicare una maggiore presenza nella storia della protagonista femminile, ma senza dimenticare che si tratta anche del titolo originale del romanzo di J. M. Barrie. Il titolo sembra voler dare anche spazio a Giglio Tigrato, la nativa americana descritta come una provetta cavallerizza e brava tiratrice d’arco, guerriera che protegge l’Isola che Non C’è e i Bimbi Sperduti dal malvagio Capitan Uncino. Sembrano esserci quindi dei presupposti interessanti per capire di più su quanto frulli in testa a David Lowery e Toby Halbrooks, rispettivamente regista e sceneggiatore; potrebbe probabilmente sbarcare sulla piattaforma streaming Disney +, dal 31 marzo in Italia, ma non ci sono ancora notizie rilevanti e definitive in merito.

Film Live action Disney

Alla luce degli ultimi film usciti in sala, e al netto delle considerazioni circa la quantificazione del loro successo in termini di biglietti venduti al botteghino, vi sono altri aspetti formali da tenere in considerazione. Primo fra tutti, la trasposizione sempre più costante e quasi accanita in live action dei capolavori Disney, originariamente ideati in forma di cartoni animati. La spasmodica ricerca di questo passaggio in termini tecnici, e talvolta anche contenutistici, a cosa sta portando? Quali sono i riflessi sui prodotti e sulla conseguente percezione che il pubblico ha di questi? Prima di provare ad avanzare ipotesi in questo senso, è bene recuperare la cronologia dei film live action Disney, per aiutarci ad avere una visione d’insieme il più completa possibile.

Mowgli – Il libro della giungla (1994)

Mowgli - Il libro della giungla

Primo fra i live action Disney ad essere apparsi in sala, l’esordio di questa nuova tipologia di lungometraggio trova le sue radici nel lontano 1994, a un quarto di secolo trascorso finora, con una delle storie più esotiche e antiche del guazzabuglio letterario e narratologico delineato negli ultimi centocinquant’anni di letteratura. Mowgli – Il Libro della giungla veniva interpretato da un giovane Jason Scott Lee, nei panni di quel bimbo rimasto orfano a soli cinque anni e immaginato da Rudyard Kipling al declino del diciannovesimo secolo, tra animali selvaggi e feroci accanto a umani dal cuore (non sempre) d’oro. Il primo lungometraggio in live action ha così aperto una strada dapprima battuta con sospetto e in modo guardingo, per poi sfociare in una produzione sempre più ricca e una lista decisamente lunga, che prevede anche diversi rifacimenti di questo stesso titolo.

VOTO METACRITIC: n/d
VOTO ROTTEN TOMATOES: n/d

  • Potete acquistare Mowgli – Il libro della giungla nei seguenti formati: DVD

La carica dei 101 – Questa volta la magia è vera (1996)

In realtà la magia non è stata molto vera, stando a considerare i voti di pubblico e critica nei confronti della prima trasposizione live action Disney della tenerissima Carica dei 101. Se da un lato l’interpretazione del personaggio di Crudelia Demon da parte di Glenn Close è stata simbolica e ben combacia con l’originale, dall’altro ci sono state diverse falle nel film, a partire dalla minore importanza attribuita ai cuccioli di dalmata e alle loro vicende (chi non ricorda con commozione e affetto il piccolo dalmata nella neve che esclama esausto “Sono stanco e ho fame, ho la coda gelata, e il naso gelato, e le orecchie gelate, e i piedi gelati”?). Il problema della parziale o quasi totale spersonalizzazione dei protagonisti o di una minore efficacia nella resa emozionale delle battute, spesso dovute a effetti speciali e mimica ben riproducibili nei cartoon, un po’ meno nell’uso di animali e persone reali, è un fatto riscontrato diverse volte nei film anche successivi a questi primi esperimenti…

VOTO METACRITIC: 49 – UTENTI: 6.0
VOTO ROTTEN TOMATOES: 39% Tomatometer: UTENTI: 40%

  • Potete acquistare La carica dei 101 nei seguenti formati: DVD

La carica dei 102 – Un nuovo colpo di coda (2000)

…non migliorati nei quattro anni che hanno separato il primo film dal secondo live action Disney: La carica dei 102. Questa volta si tratta di una storia originale, che nulla aggiunge al film sui 101, se non il centoduesimo cucciolo necessario per guarnire la nuova pelliccia di Crudelia con un cappuccio. Si accentuano ancora i toni caricaturali e lo humour greve ma con qualche precauzione animalista: diverse citazioni e un’avvertenza finale cerca di prevenire dall’olocausto di dalmata, fenomeno che seguì l’uscita del primo episodio nel 1996, per ricordare un fenomeno di vent’anni fa che nulla poteva suscitare se non scalpore e, volendo, disgusto di fronte a un comportamento inaccettabile. Glenn Close si riconferma per quello che sa essere, affiancata da un Gérard Depardieu che sa fare coppia con la prima, ma la somma non è riuscita a fare il totale, nemmeno stavolta.

VOTO METACRITIC: 35 – UTENTI: 5.0
VOTO ROTTEN TOMATOES: 31% Tomatometer: UTENTI: 32%

  • Potete acquistare La carica dei 102 in questo formato: DVD

Alice in Wonderland (2010)

Saprà far tornare i conti fra i live action Disney allora la tenera biondina persa nella tana del Bianconiglio? Passa un decennio e il silenzio sui live action viene rotto da una storia visionaria di per sé e da questi tratti accentuati da un cast e una colonna sonora scelti con una certa cura, abbastanza per migliorare il risultato rispetto ai titoli precedenti, ma ancora nulla a che vedere o quasi con la successiva proliferazione. Alice in Wonderland esce nel 2010 portando sullo schermo un Johnny Depp che sveste i panni del pirata e torna tra le braccia di Tim Burton, diventando così un personaggio quasi più iconico della stessa Alice e una colonna sonora firmata da Avril Lavigne che sa interpretare l’atmosfera della pellicola, ma il vero punto debole è stata l’uscita della pellicola a breve distanza da Avatar e dal fenomeno che si era rivelato essere all’epoca. Emerge dalle acque ferme della produzione di questa tipologia, ma ancora non si respira sufficiente ossigeno.

VOTO METACRITIC: 53 – UTENTI: 5.8
VOTO ROTTEN TOMATOES: 51% Tomatometer: UTENTI: 55%

  • Potete acquistare Alice in Wonderland nei seguenti formati: Blu-Ray | DVD

Maleficent (2014)

Si prende un po’ più quota con l’arrivo di una (non troppo) trasfigurata Angelina Jolie nei panni della perfida Malefica nella storia che prende spunto dalla fiaba de La bella addormentata nel bosco e fa suo il punto di vista dell’antagonista per eccellenza. La “signora del male”, il cui ritorno è previsto proprio in ottobre 2019, si presenta tra le musiche maleficamente conturbanti di Lana del Rey, aprendo il sipario su un personaggio che sa tenere le redini dell’attenzione del pubblico, guadagnandosi così l’apprezzamento significativo rispetto a quanto fatto finora. Non privo di difetti, Maleficent riesce a dare lustro e un po’ più di vigore alla produzione Disney, che ne esce un po’ più rincuorata, speranzosa e fiduciosa nei confronti delle successive lavorazioni che decide di mettere in cantiere.

VOTO METACRITIC: 56 – UTENTI: 6.8
VOTO ROTTEN TOMATOES: 53% Tomatometer: UTENTI: 70%

  • Potete acquistare Maleficent nei seguenti formati: Blu-Ray | DVD

Cenerentola  (2015)

Dal “dark side” a quello opposto, è parso un attimo. Dai fumi verdastri e velenosi della magia nera si passa al candore e al sogno principesco di Cenerentola, riscoprendo i toni fiabeschi e paradisiaci di una storia romantica e senza tempo. La scarpetta di cristallo più famosa della storia ha saputo davvero riscaldare i cuori di audience e critica, ottenendo apprezzamenti senza precedenti grazie alla presenza sullo schermo di una infallibile Cate Blanchett, matrigna algida e impeccabile di Ella, incarnata nella giovane rivelazione di Lily James. Unire il talento di un cast elegante e ben combinato, con una nuova partecipazione di Helena Bonham-Carter, e tenuto insieme dalla regia raffinata di Kenneth Branagh, attore e regista dallo stile britannico che ha saputo regalarci un live action Disney degno di nota.

VOTO METACRITIC: 67 – UTENTI: 7.5
VOTO ROTTEN TOMATOES: 85% Tomatometer: UTENTI: 78%

  • Potete acquistare Cinderella nei seguenti formati: Blu-Ray | DVD

Il libro della giungla (2016)

Anni d’oro per Disney. Applausi scroscianti dalla platea in piedi per congratularsi con un nuovo lungometraggio, dalla riuscita ancora migliore di quello precedente. Le vette raggiunte sono sempre più alte con il nuovo remake de Il libro della Giungla, uscito nel 2016 con il piccolo Neel Sethi che riesce a far commuovere e intenerire anche il cuore più duro, circondato dalla banda di animali migliore che ci sia. La Disney torna con un suo grande classico, stavolta mantenendo il film d’animazione come punto di riferimento costante, ma inserendo anche delle piccole variazioni che non stravolgono brutalmente la trama. Il realismo immaginario proposto nel film è ben amalgamato da una scrittura e una tecnica che si accompagnano bene, volando sempre più in alto nelle classifiche della critica e nelle vendite al botteghino.

VOTO METACRITIC: 77 – UTENTI: 7.5
VOTO ROTTEN TOMATOES: 95% Tomatometer: UTENTI: 86%

Alice attraverso lo specchio  (2016)

Come Icaro ha volato troppo in alto, anche per la Disney si sono sciolte abbastanza in fretta le ali che hanno trasportato così in alto la produzione, e di conseguenza il pubblico. Alice torna qualche anno dopo la sua prima avventura, cresciuta (forse un po’ troppo) e con qualche sbandata eccessiva nel percorso su cui prosegue la sua avventura, stavolta scritta dalla regia di James Bobin. Un’eredità grossa, quella che gli è stata affidata da Burton, e che ha saputo gestire a fatica, come ha dimostrato nel difficile avanzamento della vicenda in questo nuovo capitolo. Se consideriamo Alice in Wonderland come punto di partenza della nuova fase contemporanea dei remake Disney, questo secondo step della storia visionaria è in realtà un evidente scivolone verso il baratro, dovuto a una commistione di linguaggi e prese in prestito da altri film che ben poco hanno avuto a che fare con l’universo immaginato da Lewis Carrol. Una battuta d’arresto piuttosto brusca per la sequela di live action che stava finalmente vivendo un periodo davvero interessante.

VOTO METACRITIC: 34 – UTENTI: 5.9
VOTO ROTTEN TOMATOES: 29% Tomatometer: UTENTI: 48%

  • Potete acquistare Alice attraverso lo specchio nei seguenti formati: Blu-Ray | DVD

La bella e la bestia  (2017)

Svestendo i panni di Hermione Granger, la Bella Emma Watson è riuscita nell’intento di incarnare la giovane fanciulla che ha saputo guardare oltre le apparenze di una Bestia inguardabile ai più, ma dal cuore d’oro. Nel 2017 esce La Bella e la Bestia, la tradizionale storia romantica che ancora una volta ha incantato grandi e piccini sul grande schermo. Una produzione firmata dalla regia di ci porta in un film dallo storytelling fresco e in grado di sprizzare la bellezza fanciullesca di una storia dai buoni valori etici e morali, dalla capacità di aprire gli occhi del cuore e andare oltre le apparenze, come ci insegnerebbe anche il buon Piccolo Principe. Al fianco di Dan Stevens, la bella coppia di attori ha fatto sognare famiglie intere nel rivivere una delle storie più iconiche e affascinanti, riuscendo a fare breccia nel cuore del pubblico. “Stia con noi” è il motto davvero adeguato a questo ritorno allo splendore dei film Disney, grazie a un lungometraggio che desidera riportare in alto il livello d’attenzione del pubblico e tornare a far puntare su di sé le luci dei riflettori e (incrociando le dita) della ribalta. Un live action Disney di successo.

VOTO METACRITIC: 65 – UTENTI: 6.7
VOTO ROTTEN TOMATOES: 71% Tomatometer: UTENTI: 80%

Ritorno al Bosco dei 100 Acri (2018)

Come Alice è cresciuta nel tempo, anche il piccolo amico dell’orsetto goloso di miele ha trovato lavoro e messo su casa e famiglia, portandosi con sé i segni del tempo di un adulto spento e troppo preso dalle faccende lavorative. Ritorno al Bosco dei 100 Acri è una pennellata agrodolce della vita adulta raffrontata a quella bambina e spensierata, dove Ewan McGregor, già camerlengo in Angeli e demoni, ora padre di famiglia, ritrova Pooh e tutta la banda, passando il testimone in parte alla figlia. Proprio l’orsetto golosissimo di miele e non troppo perspicace sa compensare questa sua mancanza con tenerezza e goffaggine che lo rendono amorevole agli occhi della platea, lui come tutti gli altri della compagnia del Bosco dei 100 Acri, mostrando di avere “stoffa” per l’avventura, nel vero senso della parola. Proprio il coraggio di questi peluches e la loro capacità di risvegliare l’animo bambino anche nel più arido cuore, hanno meravigliato di nuovo il pubblico, con tanto amore e sincerità, grazie anche a una perfetta resa tecnica dell’inserimento dei pupazzi (in)animati in un contesto umano con un’alta dose di naturalezza. Sicuramente un ulteriore passo in avanti per i live action Disney alla conquista di pubblico e mercato.

VOTO METACRITIC: 60 – UTENTI: 7.4
VOTO ROTTEN TOMATOES: 73% Tomatometer: UTENTI: 83%

  • Potete acquistare Ritorno al bosco dei cento acri nei seguenti formati: Blu-Ray | DVD

Dumbo (2019)

La magia però si perde nel 2019, con un altro tuffo al cuore e una nuova deviazione sul percorso che sembrava tornare diritto e senza intoppi intrapreso dai live action Disney. Dumbo e Tim Burton. Un’accoppiata che non è riuscita a fare il botto probabilmente atteso dalla Disney. Non parliamo di certo di un risultato scarso come certe cadute di stile del passato, ma è stato triste vedere un’opera di Burton riuscire male nell’intento di far riaffiorare alla memoria del pubblico una storia sì commovente, ma qui mal riuscita. Personaggi poco incisivi, un melting pot davvero caotico e caleidoscopico di macchiette mai del tutto approfondite balzano sullo schermo ovunque, segnando così in maniera definitiva uno dei problemi che il pubblico comincia a riscontrare in film dove ci sono soprattutto gli animali a recitare la parte dei protagonisti principali: non si riesce a fare centro. Nel caso di Dumbo, probabilmente la ricezione non è stata al massimo delle aspettative, poiché porta su di sé la firma di Tim Burton e ci troviamo di fronte invece a una favola quasi infantile e lontana dal calibro delle sue capacità. Bene, ma non benissimo: cominciano a farsi sempre più evidenti le spaccature dell’opinione pubblica circa la tendenza in crescendo della produzione dei live action Disney, e più forti i toni di chi comincia a mal tollerarli.

VOTO METACRITIC: 51 – UTENTI: 6.0
VOTO ROTTEN TOMATOES: 47% Tomatometer: UTENTI: 50%

Aladdin (2019)

Stesso anno, problemi simili anche per il successivo live action Disney. Will Smith sì, Will Smith no. Jafar non è cattivo, Aladdin e Jasmine sono così carini. Uno degli ultimi regali che Disney ci ha sfornato sono proprio le ambientazioni esotiche in stile Mille e una notte, portandoci in volo su un tappeto magico tra le strade di Agrabah e creando scompiglio davvero nella ricezione di pubblico e critica. Se le opinioni divergenti e non molto ben promettenti si erano già sollevate all’uscita del trailer, seguendo l’intera pellicola abbiamo avuto a che fare con un cast di volti non troppo noti, eccezion fatta per il principe di Bel Air alias Will Smith, che ha magistralmente tenuto alto il mood del film con la sua carica adrenalinica, ma senza oscurare il resto dei personaggi. La bella sorpresa di Aladdin è la capacità di rimanere aderente davvero all’originale, fatto salvo per qualche battuta e qualche parola nei brani della colonna sonora, ma al netto di qualche modifica, l’atmosfera brillante e calda delle notti d’oriente non è tramontata.

VOTO METACRITIC: 53 – UTENTI: 6.7
VOTO ROTTEN TOMATOES: 57% Tomatometer: UTENTI: 94%

  • Potete acquistare Aladdin nei seguenti formati: Blu-Ray | DVD

Il re leone (2019)

Ultimo – per ora – live action Disney arrivato sul grande schermo. “La cena è servita. Stia con noi!” non è propriamente la battuta che ci aspettiamo in questo lungometraggio. I fan più attenti sanno che ci stiamo riferendo a qualche film citato poco sopra, ma Jon Favreau ha deciso di creare piccoli crossover di questo tipo che sono come balsamo per l’animo dei fan, piccole perle inaspettate che impreziosiscono un lavoro dall’opinione nuovamente divergente. Una delle critiche maggiormente mosse contro quest’ultimo lavoro in live action riguarda l’espressività dei personaggi, qui decisamente più esigua e poco marcata rispetto all’originale, dove gli sguardi e le movenze degli animali della Savana erano decisamente tutt’altra poesia, “tutta frenesia”. La partecipazione a Marco Mengoni ed Elisa nella colonna sonora della versione italiana è riuscita a fare bella figura e dare un tono con la propria personalità a un film che in diverse sequenze sembra una puntata di Superquark, nel bene e nel male.

VOTO METACRITIC: 55 – UTENTI: 6.8
VOTO ROTTEN TOMATOES: 53% Tomatometer: UTENTI: 88%

  • Prenota qui la versione che preferisci del nuovo film de Il Re Leone: Blu-Ray | DVD

Le questioni che hanno diviso il pubblico sono davvero parecchie, come abbiamo avuto modo di notare, primo fra tutti il tema “trasposizione o non trasposizione”: i puristi della tradizione Disney non stanno vedendo di buon occhio questa moda, ormai sempre più fuori controllo che ambisce a rimettere le mani in pasta e sfornare nuove versioni di storie che hanno fatto la storia dell’infanzia di buona parte del pubblico contemporaneo.

Live action Disney: si o no?

La questione ha cominciato a dividere il pubblico, tra coloro che proprio non sopportano di vedere nuove trasposizioni del cartone animato “di una volta” in un live action, considerato più “sterile” e meno espressivo, e coloro che invece si aprono anche a questa opportunità di vedere concretizzarsi sullo schermo quelle che una volta erano solo figure animate. Se per buona parte dell’audience quindi si parla di mero “copia e incolla” mal riuscito degli originali, d’altro canto c’è chi sostiene che una reinterpretazione nei live action Disney sia d’uopo e che non si possa pretendere di rivedere la stessa versione del cartone animato, ma al contempo la vera domanda sta a monte. In molti si interrogano se esista davvero questa necessità impellente di riportare sullo schermo i classici Disney. Le risposte sono molteplici e possiamo ipotizzarne diverse: da un punto di vista economico, la produzione di questi titoli porta incassi bene o male garantiti, al netto dell’opinione di critica e pubblico.

In secondo luogo, non sempre i linguaggi cambiano o le avventure vengono attualizzate, così come bisogna tenere conto del fatto che, da un lato, un’effettiva riproposizione della storia identica all’originale potrebbe essere tacciata di mancanza di inventiva, sperimentando così nuove tecniche di animazione e nuove visioni del cinema. Una risposta però che ci sentiamo di dare a coloro che mal sopportano questa linea di produzione in live action è che probabilmente non è corretto fare paragoni tra le due versioni, in quanto si tratta di due dimensioni creative e simboliche diverse.

Considerando che tra le prossime recenti uscite dei live action Disney è previsto anche Lilli e il Vagabondo, prendiamo il caso della rielaborazione dei protagonisti animali: è effettivamente difficile fare sì che l’espressività dei cartoni animati sia pari a quella in live action. La finzione permette di creare espressioni, movenze ed energia che in un live action che si rispetti è difficile ricreare.

Se invece ponessimo la questione sul lato del rispetto di battute, citazioni e testi delle canzoni, la scelta di non rispettare pedissequamente le versioni originali può rientrare nell’ottica di ridare al pubblico un prodotto totalmente privo di creatività alla base, a meno che le variazioni non modifichino il senso vero e proprio del contenuto. Live action o cartone animato dunque? A quale team sentite di appartenere di più?

Sorgente articolo:
Live action Disney: tutti i film annunciati e usciti al 2020

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Free Web Host
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Free Web Host

La terra, il cielo, i corvi recensione: la guerra in campo e nell’animo

Di momento giusto ce n’è uno, e se te lo fai scappare sei finito”.  Basterebbe questa frase per ricostruire tutto il dramma del nuovo graphic novel nato dalla mente di Teresa Radice e Stefano Turconi, già autori di autori de Il porto proibitoNon stancarti di andare. Ma non è sicuramente sufficiente se non la abbiniamo alle tavole che ci accompagnano per oltre duecento pagine, quelle che narrano la storia del gelido ghiaccio in terra russa del marzo 1943 (e no, non è una canzone di Lucio Dalla), quelle de La terra, il cielo, i corvi. Vi raccontiamo di una storia ricca di citazioni di grandi autori del tempo, da Mario Rigoni Stern a Lev Nikolaevič Tolstoj, oltre a tanti rimandi incastonati in un’epoca storica talmente difficile e oscura che, d’istinto, vorremmo annichilirla e cancellarla, ma compiremmo solo un doppio delitto, oltre a quello già consumato nel passato. Comprendiamo nel dettaglio nella recensione cosa abbiamo letto in queste pagine, pubblicate da BAO Publishing. Com’era vivere al tempo della guerra “crucca e assassina”? In quali condizioni si ritrovavano i soldati di diverse nazionalità, ma accomunati da un ardente spirito di sopravvivenza?

Il cielo, la terra, i corvi e il ghiaccio

La storia però non è di soli uomini freddi, duri, inariditi dalla guerra, dalle notti all’addiaccio e dalla povertà, ma anche di una persona che abbiamo sentito vicina a noi già a partire dalle prime tavole. “Mi chiamo Attilio Limonta, classe 1919. Vengo da un paese sui monti del lago di Como. E questa è la storia di come sono morto”. E’ chiaro da queste due frasi l’incipit della storia che andiamo a scoprire man mano, tra contorni di disegni talvolta solo abbozzati, ma sempre in grado di trasmetterci perfettamente il clima (e il climax) di ogni situazione.

Attilio però non è solo, e come dice lui sembra quasi una barzelletta, ma non fa ridere. Ci sono tre uomini che faticano a capirsi, ma che devono dividere la propria sorte comune in un viaggio difficile e dal calore umano emergente solo per brevi tratti e con qualche sparuto barlume. Oltre all’italiano, si conta anche il caporale tedesco Volker Werner, meglio noto come Fuchs (“Volpe”), scappato dalla prigionia del monastero sulle isole Solovetskij, e il loro ostaggio, il giovane russo Ivan Pavlovic Mostovskoij, per farla più breve Vanja.

Foto generiche

I tre uomini diventano dunque protagonisti di una traversata a piedi, caratterizzata dalla furtività e dalle asperità che tre soldati potevano chiaramente vivere in territori pericolosi al tempo della Seconda Guerra Mondiale, senza mettere in secondo piano la difficoltà dettata da una convivenza forzata tra persone che faticano a comprendersi, e non solo per le distanze linguistiche emerse in maniera evidente e brutale, anche per i lettori. Se la loro speranza del ritorno a casa è l’ultima a morire, i morti che vedremo in queste pagine saranno parecchi, riportando nei disegni la cruda e nuda verità di un tempo che difficilmente i lettori di questo libro hanno potuto vedere con i propri occhi, a ricordo perenne di un tempo che merita di rimanere inciso nella nostra memoria.

 Storia di conflitti sul campo e nel cuore umano

La terra, il cielo, i corvi infatti ci porta all’epoca della tragica campagna di Russia, nonostante la vicenda vera e propria non sia caratterizzata dal puro conflitto e dal racconto di guerra tout court. La narrazione crea e alimenta un fil rouge che trae la propria fibra dal periodo storico da cui vengono tratti gli episodi, ritraendo un mondo stravolto dalla guerra, e che mantiene in un certo modo il senso della vita, della sopravvivenza e dell’umanità.

Foto generiche

Questo aspetto è ultimamente evidente nella costruzione di tre personalità diverse, e non solo per via della nazionalità. Ognuno ha una propria percezione della strategia da mettere in atto per cercare di uscire vincitori da una propria battaglia personale, dove il lieto fine non è affatto dato per scontato, così come le stesse decisioni da prendere in merito a dove dirigere i propri passi sono sempre diverse e talvolta stridenti l’una contro l’altra. Per non parlare del proprio vissuto, il proprio portato culturale, il proprio malessere interiore che li spinge a desiderare la fine di tutto quello che hanno vissuto. Nulla in comune tra loro, dunque? Non diremmo: “siamo tutti umani, alla fine” ed è esattamente quello che traspare dalla loro convivenza forzata e dalla loro scorta, comunque limitata, di pazienza.

“Tu sbraiti e pretendi risposte immediate, e hai l’inferno in quella voce dura e lucida come il calcio del fucile. Ti muovi solo nel percorso delle tue certezze e guai a chi contraddice la tua autorità”.

La difficoltà della guerra, delle condizioni metereologiche e della compagnia non troppo amichevole dei viaggiatori viene resa immediatamente agli occhi del lettore, non solo attraverso i dialoghi brevi, incisivi e dritti al punto, ma anche grazie ai tratti di una matita forse non troppo curata nel dettaglio, che diventa dura come la situazione mostrata in tutte queste pagine. Una difficoltà emersa anche grazie allo stile narrativo, che lascia il suo segno sulle pagine e lancia messaggi anche quando l’assenza di balloons per tavole e tavole diventa piuttosto comunicativa.

Il linguaggio verbale e il linguaggio umano

D’altro canto, per quanto abbiamo apprezzato la presenza di balloons poliglotti, ideati e messi su carta con brevi dialoghi ed espressioni in lingue facilmente distanti dall’immediata comprensione dei lettori, un punto a sfavore della comprensione di questi ultimi potrebbe essere attribuito proprio per la mancanza, anche solo in calce, della traduzione in italiano di queste parole non facilissime e appartenenti a lingue quali il tedesco o il russo.

“In tanto tempo passato spalla a spalla con russi e tedeschi, ormai credo per lo meno di intendere il senso di quello che si dice in queste lingue assurde”.

E’ anche vero che questo mantenimento dei dialoghi privi di traduzione ne La terra, il cielo, i corvi ci fa immergere ancor di più nell’esperienza vera e propria del protagonista italiano, Attilio, grazie anche alle tavole dipinte ad acquerello ispirandosi (come ci ha spiegato) ai lavori di Rien Poortvliet, restituiscono immediatamente l’immensità dell’inverno russo. Non solo nel racconto della Natura, nei boschi innevati che fanno sentire il gelo nelle ossa, ma anche nelle sequenze di interni. Quel calore (letterale, ma soprattutto umano) ci avvolge, creando l’illusione di essere davvero presenti nelle vicende di Attilio, Fuchs e Vanja e nella loro spasmodica ricerca di una meta.

Foto generiche

In conclusione

La terra, il cielo, i corvi è il graphic novel che racconta un vero e proprio viaggio, fisico e metaforico sia per i nostri protagonisti, sia per i lettori, compiendo un interessante excursus metafisico in un mondo ormai distante da quello attuale (o almeno così ci auguriamo). Adatto a qualsiasi amante della storia e delle vicende di guerra, il titolo si può rivelare anche vicino ai gusti di chi è in cerca di un racconto emotivo, in grado di comunicare tutta la potenza e le rigidità climatiche e umane, ma che sanno scaldare il cuore grazie a una storia e a una matita uniche e ben riconoscibili nel panorama dei graphic novel italiani.

Sorgente articolo:
La terra, il cielo, i corvi recensione: la guerra in campo e nell’animo

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Invia Email di Marketing
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloudrealtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parola chiave nella ricerca

Fortnite: crossover con Ghostbusters per Halloween

I fan di Fortnite hanno da poco ricevuto l’ultimo update che introduce i personaggi a tema Marvel all’interno del battle royale; adesso invece, in occasione della festività di Halloween, sembra che si potrà usufruire del nuovo aggiornamento a tema Ghostbusters. Non si tratta tuttavia ancora di una comunicazione ufficiale: di fatto, alcuni utenti su Reddit hanno scoperto un indizio sottile ma alquanto significativo che ha portato molti di loro a ritenere quasi ufficiale l’indiscrezione.

Fortnite x Ghostbusters: quasi certo l’update

Epic Games ha recentemente lanciato il suo Fornitemares 2020, un evento stagionale che celebra la stagione di Halloween. Oltre alle skin spettrale, ai dolcetti e alle decorazioni raccapriccianti, questa nuova season inaugura l’arrivo dei fantasmi (e dei relativi Ghostbusters, n.d.r.), unitamente all’opportunità di vincere un “Nightmare Royale”.

Su Reddit, l’utente “lemon0911” ha infatti condiviso uno screenshot del battle royale all’interno del su-forum “FortniteBR” in cui mostra la presenza dell’Ectomobile (Ecto-1): il veicolo, per chi non lo conoscesse, è quello utilizzato dai Ghostbusters nel popolare film degli anni ’80. Unendosi a ciò, un altro data-miner ha anche rilasciato una nuova fuga di notizie nella quale rivela l’arrivo di quattro imminenti bundle in tema.

Sebbene un’indiscrezione non sia una prova sufficiente di una novità in arrivo, la presenza del veicolo Ecto-1 appena visibile sotto un telo (lo si può vedere nell’area di Cape Cod, per coloro che volessero “toccare con mano” il leak) indica che la perdita di informazioni è accurata e che gli acchiappafantasmi arriveranno presto nel popolare gioco di Epic.

Rimane una grande domanda, tuttavia, relativa a quando arriveranno i Ghostbusters durante i Fortnitemares: bisognerà capire se si tratterà semplicemente di un update che porterà soltanto qualche skin aggiuntiva nel negozio di oggetti o se vedremo fisicamente gli acchiappafantasmi in funzione a Cape Cod. Non resta che attendere pochi giorni per scoprirlo.

Notizie correlate

Fonte:twitter iFire Monkey

Videogames
Sorgente articolo:
Fortnite: crossover con Ghostbusters per Halloween

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Cloud Real Time
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Pubblicizza sito
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Campagne Email
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Il tuo sito web Personalizzato

PS5 e Xbox Series X|S: negli USA stanno cancellando diversi preorder

A giudicare da quello che sta avvenendo sui social in queste ore, sembra che le principali catene USA come Target o GameStop stiano inviando a molte persone che hanno prenotato PS5 e Xbox Series X|S delle mail di disdetta, nelle quali si dice che il loro preorder non è più valido. Fortunatamente questo non sta avvenendo in Italia, ma potrebbe essere un segnale del fatto che i due colossi hanno finalmente ben chiare quante console riusciranno a distribuire entro la fine di questo anno. Facendo scontenti chi non è riuscito ad aggiudicarsi una di queste macchine.

Le segnalazioni sono arrivate da più parti e se le comunicazioni provenienti da GameStop non giustificano la cancellazione, anzi, qualcuno pensa ad un errore del sito che sta inviando diverse mail al medesimo indirizzo, le mail di Target sembrano decisamente più chiare e parlano dell’incapacità da parte della catena di soddisfare tutti i preorder ricevuti.

In Italia, fortunatamente, le diverse catene hanno messo in vendita solo le console che effettivamente avrebbero ricevuto, mettendo subito in chiaro chi avrebbe ricevuto la console al day one (ovvero il 10 novembre per Xbox Series X|S e il 19 novembre per PS5) e chi avrebbe rischiato di non averla, se non dopo Natale.

Adesso che ci si avvicina al day one le cose si stanno facendo più chiare e finalmente i diversi negozi potrebbero avere precisamente idea di quante e quali console avranno a disposizione.

Voi avete avuto problemi simili?

Sorgente articolo:
PS5 e Xbox Series X|S: negli USA stanno cancellando diversi preorder

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Video Corsi Online
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloudrealtime

Spoiler: una donna misteriosa si nasconde nel cimitero della Landa Corona

La Landa Corona si sta rivelando piena zeppa di segreti come questo evento misterioso che vede protagonista una donna dai capelli lunghi lunghi che si aggira misteriosamente per il cimitero durante la notte. A rivelarcelo è Nia, la figlia di Peony, che ci elargirà consigli utili sulle Avventure Dynamax e anche sulla storia della Landa Corona, come questa spettrale diceria.

ALLERTA POILER: SE NON VOLETE CONOSCERE L’IDENTITÀ DELLA DONNA IN QUESTIONE O QUALUNQUE ALTRO DETTAGLIO SULL’EVENTO INTERROMPETE LA LETTURA ADESSO.

Ecco cosa ci dirà Nia in questo mistero da risolvere ancora in parte:

Sembra che il personaggio misterioso sia Olive, l’assistente del presidente Rose, ora in cerca dello stesso. Questa informazione emerge sia dall’esperienza condivisa online da alcuni giocatori, che l’hanno effettivamente trovata di notte nel punto indicato nell’immagine seguente, sia dai testi di gioco nei quali è presente l’intera conversazione (spoiler) tra il giocatore e la stessa Olive.

donna cimitero landa corona
A destra del primo albero dovrebbe apparire Olive

Tuttavia, non basta recarsi di notte nel luogo indicato per attivare l’evento e incontrare la donna nel cimitero della Landa Corona: siamo ancora in cerca di un metodo funzionante. Vi aggiorneremo il prima possibile con delle immagini dell’evento e come attivarlo! Intanto potete leggere la conversazione del giocatore con Olive nel seguente testo, ricavato dallo script de Le terre innevate della corona.

Text File : rigel2_sub_010
~~~
Non c’è… Non è qui…[VAR 0114(0042)]
Non lo trovo da nessuna parte…\nDov’è il mio…?[VAR 0114(0042)]
Olive?!
Un fantasma!!
Oh, sei tu, Campione[VAR 1100(00FF,0300)]ssa?[VAR 0114(0007)]
A chi fantasma, scusa…? Che nervi!\nAd ogni modo…[VAR 0114(0007)]
… capiti a proposito! Forse tu ne sai qualcosa.[VAR 0114(0007)]
Mi è giunta voce che il presidente Rose è stato\nvisto da queste parti.[VAR 0114(0007)]
So benissimo che è impossibile, ma non potevo\nfare a meno di controllare di persona…[VAR 0114(0007)]
Sai mica niente di questa storia, per caso?\nIl presidente Rose si trova in questa landa?[VAR 0114(0007)]
Ecco…
No, mi dispiace
Come?! Sai qualcosa?\nPresto, dimmi tutto quello che sai![VAR 0114(0007)]
Immaginavo… Mi sembrava troppo facile…[VAR 0114(0007)]
Ehi, caposquadra!\nChe ci fai in giro a quest’ora?[VAR 0114(0076)]
P-Presidente Rose?![VAR 0114(0007)]
Ehi, ma quale Rose! Non offendiamo![VAR 0114(0076)]
No… Decisamente non sei il presidente Rose![VAR 0114(0007)]
Però c’è comunque una somiglianza…\nPer caso, sei suo…[VAR 0114(0007)]
In effetti, a guardar bene non si nota la benché\nminima intelligenza o raffinatezza.\r\nMa anche senza guardar bene…[VAR 0114(0007)]
Ehi! Ma chi è questa signorina maleducata?\nÈ una tua conoscente, caposquadra?[VAR 0114(0076)]
Ah! Ma quindi le voci che dicevano che il\npresidente Rose era stato visto qui…[VAR 0114(0007)]
…[VAR 0114(0076)]
Aaaah, che nervi![VAR 0114(0007)]
Sarete anche fratelli, ma non c’è la benché\nminima somiglianza tra te e il presidente Rose![VAR 0114(0007)]
Bene, se il presidente Rose non è qui, non ho\nmotivo di rimanere.[VAR 0114(0007)]
Arrivederci, Campione[VAR 1100(00FF,0300)]ssa.\nQuanto a te, addio![VAR 0114(0007)]
Pronto? Volotaxi?\nPotete venire a prendermi alla Landa Corona?[VAR 0114(0007)]
Ma che le è preso a quella tipa…?[VAR 0114(0076)]
Che roba, però! Anche uno come mio fratello\nha dei seguaci…[VAR 0114(0076)]
Comunque…[VAR 0114(0076)]
Sta’ attent[VAR 1100(00FF,0101)]oa a passeggiare di notte, potresti\nvenire rapit[VAR 1100(00FF,0101)]oa da un Pokémon Spettro![VAR 0114(0076)]
Gahahahah! Scherzo!\nAllora ci vediamo, caposquadra![VAR 0114(0076)]

FONTE: Pokémon Spada e Scudo e script di gioco

Caricamento..

Caricamento..

Caricamento..

Sorgente articolo:
Spoiler: una donna misteriosa si nasconde nel cimitero della Landa Corona

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Free Web Host
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Servizi B2B di Video Conferenza
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Ugo Fiasconaro