Tag Archives: Finanza

IL ” DEBITO PUBBLICO” COME IL FAMOSO ” POLLO A TESTA”…

Notizia di pochi giorni fa, data con gran pompa da tutti i media: “Italia: il debito pubblico sfonda i 2.000 miliardi”. L’Ansa, nell’occhiello, aggiungeva: “Pesa per ben oltre 33mila euro su ogni cittadino, bebè compresi”.Mi dispiace essere ripetitivo, ma anche stavolta faccio appello a chi ha ancora mantenuto un residuo di facoltà razionali (e d’amor […]

Continue Reading →

Disintossichiamoci o l’ultima dose sarà letale

di Giuseppe Turrisi Che l’agenda Monti sia stata un disastro su tutti i fronti lo hanno capito anche gli stessi sostenitori di tale governo pseudo tecnico. Tutti i parametri, e sottolineo i “loro parametri” sono peggiorati, è un dato storico. Ma allora perché tale “uomo” ha ancora il coraggio di ripresentarsi per continuare la sua “agenda”? […]

Continue Reading →

Accordo con la Svizzera: un nuovo scudo fiscale?

Ritorna nel dibattito pubblico l’idea di chiudere l’accordo con la Svizzera per far pagare una tassa ai capitali anonimi lì detenuti. Anzi questa idea gode di grande credito a sinistra, ho sentito più volte Vendola sostenerla come se si trattasse della famosa patrimoniale da far pagare ai ricchi. Forse sarebbe bene capire meglio di cosa […]

Continue Reading →

“Europa dei popoli”. Solo fuffa e pan bagnato.

di Francesco Salistrari “L’Europa dei popoli”.Una locuzione che già da diversi anni è entrata a far parte del lessico politico di chi, pur appoggiandola nei fatti, “critica” l’impalcatura europea dei Trattati e della moneta unica.Una locuzione di “sinistra” che nasconde, come la sporcizia sotto un tappeto, tutti i nodi cruciali, le disparità, le imposizioni, i […]

Continue Reading →

Ida Magli: come previsto, l’euro è la rovina dell’Europa

«Spero che i pochi amici che abbiamo, che vogliono bene all’Italia, spingano i politici a uscire dall’euro’. Problema numero uno, i politici: «Ormai sono un’ombra, degli spettri nel Parlamento’. Parola di Ida Magli, autorevole antropologa: una delle poche voci, vent’anni fa, a mettere in guardia gli italiani dal trionfalismo europeista che – col Trattato di […]

Continue Reading →

La guerra dell’Europa

 MESSORA: Monia Benini, autrice di “La guerra dell’Europa”. A me risulta che siano appena terminati i campionati europei di calcio e non ho visto nessuna guerra. C’è una guerra in Europa?  BENINI: E’ una guerra silenziosa. È una guerra che viene condotta non attraverso gli eserciti convenzionali, non attraverso i bombardamenti, ma attraverso le armi […]

Continue Reading →

Jim Rogers: “Armageddon della finanza” ci sarà lo stesso

Questo simpatico signore spiega cautamente che ulteriori debiti non solo non risolvono ma aggravano ogni situazione. (Anche ammesso che si voglia e possa pagarli). Qui su Stampalibera ci siamo dati un freno alle elucubrazioni finanziarie non possedendo il dono di conoscere la materia dal di dentro. Per noi il discorso è semplice. Debito contratto con […]

Continue Reading →

LE BANCHE: UNA SOCIETA’ A DELINQUERE DI STAMPO MAFIOSO

di Gianni Tirelli Solo le logiche perverse delle democrazie occidentali, prevedono che in tempo di crisi si debbano finanziare i ladri e fare morire i derubati! E’ questo il modo in cui intendono “dare fiato ai consumi e ossigeno all’economia?” Questa equazione non riesce ad entrarmi in testa! Le banche, che rappresentano quel soggetto che […]

Continue Reading →

Sì, l’Italia è tutta un film

di Nadia RedogliaIn prima visione proiettarono i blitz della Finanza nei siti lussuosi per antonomasia (principiò Cortina) in quanto da sempre location dei principali film di cassetta perciò visti e rivisti dallo spropositato numero d’italiani affetti dal “vorrei, ma non posso” e dunque goduriosi per il “gliel’abbiamo fatta pagare”. Poi, per davvero, si passò a […]

Continue Reading →

Governo Monti: tecnici o dilettanti allo sbaraglio?

Ho scritto –e non lo ritiro- che il tentativo di Monti va preso sul serio, perché po’ provocare mutamenti durevoli del sistema politico e non certo di segno progressista o democratico. Ma questo, più che alla personale abilità del Presidente del Consiglio (che, di suo, non è esattamente un genio), è dovuto alla forza delle cose che sta piegando lademocrazia europea alle ragioni della finanza. […]

Continue Reading →