Tag Archives: classe dirigente

LIBERTA’ E INDIPENDENZA PER L’ITALIA

– Gianni Lannes – Se essere italiani significa omettere che la Costituzione repubblicana ed antifascista sia stata congelata dal Trattato di Lisbona, lascio questa italianità a Voi. Se essere italiani significa ignorare le clausole segrete dell’armistizio di Cassibile (3 settembre 1943), lascio questa italianità a Voi. Se essere italiani significa tacere sui crimini mondiali del […]

Continue Reading →

Occupy Silvio

Il Pdl è vivo o morto? Per i militanti della Giovane Italia modenese è quantomeno agonizzante. L’addio alle primarie e il ritorno annunciato, ma non ufficiale, di Berlusconi e del suo cerchio ‘tragico’ non danno davvero molte speranze. Il Pdl perde pezzi ed elettori, ma c’è ancora chi lotta e combatte per rilanciare il dibattito interno al […]

Continue Reading →

L’attualità di Balducci e Turoldo

Milano ha ricordato due importanti figure nel ventennale della loro scomparsa: Ernesto Balducci e David Maria Turoldo. Il loro pensiero, sul quale si è discusso durante il convegno “L’utopia planetaria”, è ancora oggi di straordinaria attualità, in particolare in campo politico. Tanti amministratori locali nei decenni passati sono cresciuti grazie alle idee e alle intuizioni […]

Continue Reading →

Ricordando Renato Nicolini

Per chi non l’ha conosciuto personalmente e per i posteri Renato Nicolini, appena scomparso a settant’anni per il solito brutto male, già tumulato e immagino avviato in frettissima sulla strada del dimenticatoio, è stato “l’inventore dell’estate romana”, a cavallo dei primi anni ’80. Già sarebbe qualcosa, se venisse illustrata “in memoriam” del suo ideatore una […]

Continue Reading →

L’età media della popolazione a confronto con quella dei governanti – grafico

L’Economist ha pubblicato un grafico dove vengono messe a confronto l’età media della popolazione con quella dei governanti. Si nota da subito una forte divergenza tra i due dati. A guidare la classifica è l’India con un notevole distacco tra le due età (25 anni contro i 65). A seguire gli altri paesi. Non compare […]

Continue Reading →

Stato-mafia, non fu trattativa ma complotto

È uno strano Paese quello in cui nel ventennale delle stragi di mafia invece di chiedere conto a chi condusse la trattativa Stato-mafia, a chi diresse le indagini sulle stragi di Capaci e via D’Amelio, a chi fabbricò false piste e falsi colpevoli, a chi si accontentò di comode e facili verità, si aggrediscono e […]

Continue Reading →

Il Grande Oriente di Obama

– Manlio Dinucci – Per 236 anni gli Usa hanno difeso ovunque la democrazia: lo ha assicurato la Clinton al Cairo. Occorre quindi cancellare dalla storia gli oltre 160 interventi militari all’estero effettuati dall’imperialismo Usa fino agli anni ‘40; le guerre della guerra fredda in Corea, Vietnam, Laos, Cambogia, Libano; i colpi di stato orchestrati […]

Continue Reading →

Ingroia: informazione non rincorra scoop su “trattativa” ma aiuti a conoscere

– Michela Mancini – Il magistrato ospite di “Trame” il festival dei libri sulle mafie Da mesi al centro delle polemiche per aver detto durante una manifestazione politica le ormai note parole “Sono partigiano della Costituzione”, il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, ospite al Festival “Trame” a Lamezia Terme ha parlato del ruolo che […]

Continue Reading →

Ingroia: informazione non rincorra scoop su “trattativa” ma aiuti a conoscere

di Michela Mancini –   Antonio Ingroia Da mesi al centro delle polemiche per aver detto durante una manifestazione politica le ormai note parole “Sono partigiano della Costituzione”, il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, ospite al Festival “Trame” a Lamezia Terme ha parlato del ruolo che svolge oggi la magistratura  in Italia.  Il procuratore […]

Continue Reading →

Crisi e grandi affari: benvenuti all’ Outlet Italia

– Peppe Meola – Cosa può succedere quando Moody’s, S&P e Fitch lanciano le loro pagelline:(se) “non formati correttamente, i giudizi di rating sui debiti sovrani possono costituire fonte di discredito, alimentare la confusione e influenzare negativamente i protagonisti della finanza pubblica a tutti i livelli, quindi anche a livello europeo“ In questa maniera, i rating hanno causato:“una riduzione della spesa pubblica, un inasprimento […]

Continue Reading →