Tag Archives: bisognerebbe

Ilva, i Riva incoronati “imprenditori dell’anno”

Avrebbero dovuto ritirare il premio “imprenditore dell’anno” ieri sera. A loro posto c’era un delegato del gruppo Ilva, perchè i patron dello stabilimento di Taranto, Emilio Riva e il figlio Nicola, sono agli arresti domiciliari con l’accusa di disastro ambientale. A raccontare questa storia assurda, che ha quasi dell’incredibile, il Corriere di Brescia: il titolo […]

Continue Reading →

Vedi Malpensa e poi muori – Massimo Soldarini – Lipu

Vedi Malpensa e poi muori (12:30) “Abbiamo un aumento della mortalità per malattie respiratorie, superiore del 54,1% dei comuni che stanno intorno del sedime aeroportuale, rispetto al 10,7 del resto dei comuni dell’A.S.L., i ricoveri ospedalieri per tutte le cause hanno subito un aumento del 2,8% contro una diminuzione negli altri comuni. I tassi di […]

Continue Reading →

Vorrei un Paese ordinario, guidato da giovani onesti

Bisognerebbe però intendersi sullo spartiacque tra giovani e vecchi. In Italia è notorio come la linea di confine tra generazioni di giovani e di vecchi sia stata interposta nell’immaginario collettivo ad una età surreale, quasi verso i 60 anni. Diciamo che in Italia ci si considera giovani fino a cinquant’anni. Poi non si diventa improvvisamente […]

Continue Reading →

SANITA’: QUANDO I TAGLI NON SERVONO

Fra i tanti tagli di questo governo, quello al settore sanitario sembra il più preoccupante. Soprattutto perché c’è di mezzo la salute della gente. Ne abbiamo discusso con Marco Cobianchi, autore di “Mani Bucate” (Chiarelettere) Dico che questa non è una spending review. Questi sono dei semplicissimi tagli alla sanità. E’ vero che la sanità […]

Continue Reading →

Senza dignità

– Marco Damilano – Porte sbarrate ai giornalisti, sorveglianti piazzati all’ingresso, segretezza degna di un Politburo. E poi dirigenti in fuga da uscite laterali, tra studenti dell’università Antonianum seduti per terra a fumare. E silenzio tombale dei big del partito. Abituati a parlare, a contendersi il microfono e il riflettore, a chiedere qualche minuto in […]

Continue Reading →

Dopo l’assassinio di Gheddafi: la Libia occupata, la Siria in attesa di esserlo

– Fida Dakroub   Global Research,  – Analisi, ottobre 2011 – All’inizio dell’insurrezione armata in Siria, il figlio di Yehya, un soldato dell’esercito siriano, fu rapito e ucciso da gruppi armati a Daraa. La testimonianza di Yehya contraddice le “lacrime di coccodrillo” di Ban Ki-moon, che lamenta in ogni occasione “l’atrocità” del regime siriano. Yehya […]

Continue Reading →

TAV, L’ACCELERAZIONE DELLA DEMOCRAZIA CHE PUO’ FAR DERAGLIARE MONTI

FONTE: SENZASOSTE.IT 1. Treno e accelerazione dell’esperienza Qualche giorno fa su La provincia di Varese un lettore scriveva alla redazione per esprimere il proprio parere sulla Tav. Scriveva che i manifestanti notav gli sembravano quegli abitanti delle zone rurali inglesi che si opponevano alla realizzazione della prima ferrovia inglese che partiva da Manchester. Ricordava il […]

Continue Reading →

Bossi a Piacenza: “Monti rischia la vita, il nord lo farà fuori”. Ma dopo un’ora ritratta

Bossi a Piacenza: “Monti rischia la vita, il nord lo farà fuori”. Ma dopo un’ora ritratta Il leader della Lega fa una poco velata minaccia di morte al presidente del consiglio. Poi gli dicono che sul web si è scatenato un putiferio e torna indietro: “Ma quali minacce, colpa dei giornalisti che non […]

Continue Reading →